24-05-2006

Buon giorno, e grazie dellle vs. preziose

Buon giorno, e grazie dellle Vs. preziose risposte. Da diverso tempo sofro di extrasistole ventricolari, maggiormente sottosforzo, ho fatto diversi esami, egc-cardiodopler-prove da sforzo, esami sangue tutte apparentemente negative, dopo un periodo di quasi totale scomparsa, ora sono riapparse più fastidiose del solito, se sono seduto o coricato quasi mai, ma come compio un piccolo sforzo, anche solo camminare o fare una rampa di scale compaiono quasi sempre. Faccio anche palestra a livello amatoriale e ho notato che dopo un periodo di inizio sforzo anche leggero compaiono fastidiosissime per poi a volte attenuarsi dopo uno sforzo più intenso. da cosa dipende? i miei battiti a riposo sono di circa 60 e sottosforzo non superano mai i 125-130 (prendo 1/2 EUPRES MITE per ipertensione, attualmente 70-120) è come se il mio cuore abbia difficoltà a iniziare a battere più velocemente. Corro qualche pericolo? Esiste una cura per risolvere questo problema fastidiosissimo? Grazie e un cordiale saluto.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Quello che è certo è che non corre pericoli di danneggiare il cuore. Il suo tipo di extrasistolia è relativamente comune negli ipertesi, ma non ci sono farmaci mirati ad eliminarla. Non lasci l’attività fisica che è protettiva al riguardo.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!