26-06-2006

Buon giorno, nel 2003 ho subito un piccolo infarto

Buon giorno, nel 2003 ho subito un piccolo infarto del miocardio (fatto avvenuto quando avevo appena 35 anni). Ho subito tre interventi angioplastici con l'applicazione di stent normali (non trattati). Il terzo intervento di angioplastica l'ho subito in seguito di una coronarografia dove hanno rilevato una restenosi ed hanno applicato un ulteriore stent (sempre normale perchè quelli trattati costavano troppo ...... non è una battuta ironica ma la motivazione fornitami dal primario ...... ovviamente se pagavo io lo stent non c'era problema). Dopo queste angioplastiche ho fatto varie verifiche strumentali per valutare lo stato di salute delle coronarie (test da sforzo e scintigrafia) dando esiti più o meno rassicuranti ma non precisi. Secondo i medici specialisti era necessario una coronarografia con liquido di contrasto per valutare correttamente lo stato delle cose ma il quadro clinico non era così "critico" anche se era da tenere sotto controllo. Il motivo per il quale mi permetto di disturbarVi è per sapere se esistono altre verifiche non invasive (come la coronarografia) per valutare eventuali restenosi, stato degli stent, ect. ect. In attesa di un Vs. riscontro colgo l'occasione per porgerVi i miei più Cordiali Saluti.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Al momento la coronarografia rimane l’esame di scelta ma sicuramente in un uomo giovane è possibile monitorare la situazione anche con dei test da sforzo, ricorrendo alla coronarografia solo in caso di sintomi suggestivi per ischemia o test da sforzo positivo.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!