17-01-2006

Buon giorno, richiedo un vostro parere. sono un

Buon giorno, richiedo un vostro parere. Sono un soggetto di 41 anni ex HCV positivo. Infezione contratta nel 1980 Genotipo 3a, ma scoperta a seguito di piccolo intervento (exeresi) in maggio 2004. Biposia effettuata in OCT 04, ishak grading=3 Staging=12. ALT-AST di partenza anno 2004 tra 75 e 90 (x 1.5 circa) precedentemente + o - nella norma. Terapia classica, IFN peg+Riba sarted in nov04 (1000 mg/die Rebetol+1 iniezione Pegasys/week). Negativizazione Viremia qualitativa e quantitaiva in dic 04. Fine terapia maggio 05, negativizzazione PCR stabile, ALT-AST 19-21 da marzo 05. Teoricamente la fibrosi dovrebbe regeredire (programmata prox bx in nov 06) con follow up biochimico e virologico semestrale.
Non fumatore, Astemio da Aprile 04. Vi chiedo: 1) secondo voi un consumo di alcolici molto moderato (qualche bicchiere di vino) nei week end/una birra salutariamente potrebbe compromettere la regressione della fibrosi? 2) lo stesso consumo potrebbe in linea teorica agevolare una ripresa della viremia (aiuto dell'alcool alla replicazione del virus)? Grazie anticipatamente.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La modesta quantità di alcolici che lei riferisce, in assenza di attuale infezione da virus epatititici, non dovrebbe causare alcun problema relativamente alla “regressione” della fibrosi, soprattutto se si limita a pochi biccbierini di vino o di birra una volta alla settimana, né sarebbe in grado di agevolare una ripresa della viremia.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna