05-04-2006

Buon giorno, sono m.rosa di torino ho 44 anni le

Buon giorno, sono m.rosa di torino ho 44 anni le espongo la mia domanda e fiduciosa attendo una sua risposta. Ilgiorno 28/2/2006 mi sono sottoposta ad intervento di tiroidectomia totale. Quando sono stata dimessa la dottoressa dandomi tutti gli esami che mi avevano fatto in quei giorni mi ha fatto presente che dagli esami del sangue è risultata una positività al virus epatite C. Subito mi sono allarmata anche perchè ancora ad oggi non riesco ad capire come posso essere stata contagiata da questo virus. Non faccio trasfusion, nel 1980 sono stata operata di appendicite. Nel 1994 e nel 1996 ho fatto due tagli cesarei per la nascita dei miei figli. Sono andata dal mio medico curante e lui qui mi ha già catalogata........... mi ha fatto fare altri accertamenti che le scrivo l'esito. Anti-HCV (EIA) POSITIVO Virsu Epatite C (HCV) Biologia molecolare PLASMA HCV RNA quantitativo (Real-time PCR) POSITIVO Sensibilità: 15 UI/ml. 1 UI 0 2,7 copie gnomiche CARICA VIRALE: 6 220 890 UI/ml. Gentilmente le chiedo di spiegarmi questo referto e inoltre vorrei cercare di capire se questo virus è recente oppure è da tanto tempo che me lo porto dietro e non lo sapevo. Attendo con ansia una sua risposta. grazie maria rosa.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Non è possibile individuare la datazione dell’infezione da HCV, non essendovi strumenti adatti a tale scopo. Da quanto riporta si evince che è presente una infezione da virus epatitico C (HCV). Non ci riferisce, tuttavia, i risultati degli altri tests epatici, in particolare delle aminotransferasi, della ecografia epatica, etc. Un esame estremamente importante, inoltre, è dato dalla ricerca del genotipo di HCV. Essendo tale dato correlato alla maggiore o minore probabilità di risposta alla terapia antivirale. Infine la carica virale risulta alquanto elevata. Riteniamo che sia necessario valutare l’opportunità di un tattamento farmacologico (IFN e RBV) kin grado di eliminare il virus.