15-02-2006

Buongiorno, nel luglio del 2004 fui fermato per

Buongiorno, nel luglio del 2004 fui fermato per guida in stato di ebbrezza. Nel novembre 2004 eseguivo tutti gli esami e mi veniva ridata la patente con validità di 1 anno. Nel novembre 2005 recatomi in commissione medica mi veniva sospesa la patente per 3 mesi a causa del valore del CDT di 2.8 (indicatore max del laboratorio 2.6). Mi chiedo come sia possibile in quanto l'ultima birra piccola l'avevo bevuta il 30 settembre 2005. Tra l'altro a fine dicembre 2005 ho rifatto l'esame del CDT per curiosità mia e il valore era di 2.9 (l'ultimo alcolico è sempre quello del 30 settembre). Mi reco da un ematologo il quale mi dice che la causa potrebbe essere la mancanza di ferro (sideremia); mi consiglia di mangiare carne per un mese (prima la mangiavo una volta alla settimana al massimo) e di rifare gli esami (anche ferro, Ferritina e tranferrina) ed ovviamente di continuare nell'astinenza da alcolici di ogni tipo. Bene, detto e fatto: oggi ritiro gli esiti degli esami ed ecco i valori:
AST 23 U/l [7-35]
ALT 22 U/l [7-40]
gamma-GT 29 U/l [7-50]
Fosfatasi Alcalina 186 U/l [70-270]
Colesterolo Totale 190 mg/dl [130-200]
Colesterolo HDL 72 mg/dl [>55]
Trigliceridi 78 mg/dl [70-170]
Ferro 139 ug/dl [59-158]
Transferrina 2.39 g/l [1.82-3.45]
Ferritina 138 ng/ml [50-250]
CDT 2.6 %Trasf. [Come potete notare il valore del CDT è al limite e il ferro mi sembra nella media. Aggiungo che sono sotto dosaggio con Depakin (3 pastiglie da 200 mg al giorno) e Gardenale (1 pastiglia da 100 mg la sera) a causa di sindromi comiziali manifestatesi nel 1993. La mia alimentazione si basa su cereali, latticini, molta verdura e frutta e carne (ma solo da un mese) e poca pasta. Avete idea di quale possa essere il mio problema? Sapreste consigliarmi ulteriori esami da fare? Più che non bere nulla, evitando anche l'aceto non so che fare. E rischio di rimanere senza patente a vita. Grazie.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Nel dosaggio della CDT si riscontrano pochi casi di falsi positivi (FP), soprattutto in pazienti con grave insufficienza epatica (cirrosi da epatite cronica attiva o cirrosi primaria delle vie biliari). Altre cause di FP possono essere i pazienti ed il 25% dei portatori sani della sindrome CDG (carbohydrate-deficient-glycoprotein syndrome), oltre ai pazienti con una variante D, geneticamente rara, della Transferrina. Non si sono osservati casi di FP con l’uso di un gran numero di farmaci o droghe, in particolare oppiacei. E’ quindi consigliabile effettuare esame per escludere tali forme patologiche.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna