L’ESPERTO RISPONDE

Buongiorno, sono un giovane di 34 anni, peso 65 kg

Buongiorno, sono un giovane di 34 anni, peso 65 Kg ed alto cm 170. A distanza di circa 10 anni dal precedente prelievo ho rifatto le analisi del sangue ed ho avuto i seguenti valori: colesterolo totale 214; colesterolo hdl 52; colesterolo ldl 152; glicemia 102; trigliceridi 49; Il medico mi è sembrato preoccupato soprattutto per il valore di glicemia, e mi ha detto che a digiuno il valore deve essere assolutamente inferiore; tanto che ha ipotizzato di effettuare il carico di glucosio. Gli altri valori sono nella norma: i trigliceridi 49; uricemia 5,3 (mi sembra che l’acido urico sia influenzato dal colesterolo) Premetto che non mangio assolutamente formaggi o latticini, mentre in relazione ai cibi contenenti carboidrati, tendo a mangiare dolci, biscotti ed anche patate, che mi sembra contengono molti zuccheri. Forse un errore alimentare può essere quello di mangiare zuccheri la sera (la mattina prendo solo una spremuta di arancia) In relazione al colesterolo, come detto, non mangio formaggi e non mi sembra di assumere molti grassi ( avevo già ridotto da mesi insaccati ed altro), anche se ceno, con discreta frequenza, con piatti a base di alimenti che ho scoperto avere valori elevati quali gamberi, frutti di mare, calamari. Ulteriore elemento che spero possa esservi utile è che, per ragioni lavorative, il pasto principale è costituito dalla cena e che in famiglia mio padre, di 74 anni, ha un valore di glicemia leggermente elevato (varia dai 110 ai 120). Per il resto non ho particolari problemi: nell’occasione ho misurato anche la pressione che è risultata essere 80/110 e normalmente è anche un po’ più bassa. Inoltre avevo programmato di effettuare l’esame dell’omocisteina, in quanto è risultato che mio padre ha tale valore leggermente alterato (125) e mi era stato detto che l’enzima rileva su base genetica. In ospedale non facevano tale esame, ma hanno effettuato la troponina che è risultato essere 0.0 Cosa posso fare? Il valore della glicemia è effettivamente un pericolo, soprattutto se associato al colesterolo, come mi ha indicato il medico? Il valore totale del colesterolo è un problema oppure posso ritenere che sia normale, considerando anche il rapporto tra colesterolo totale ed HDL? Come mai il colesterolo è altino ed il valore dei trigliceridi è basso? Mi scuso per la lunghezza, ma ho cercato di fornire tutti gli elementi utili, anche perché, come accennavo, non ha seri dati di raffronto, in quanto le precedenti analisi risalivano a dieci anni orsono. Grazie per il consiglio.
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
Sulla base dei suoi dati il suo rischio cardiovascolare si presenta basso; in particolare il valore di glicemia basale non è tale da allarmare in modo significativo. E’ vero che i vari fattori di rischio si potenziano a vicenda, tuttavia i suoi parametri consigliano soltanto per il momento un controllo periodico degli esami ematochimici (almeno una volta l’anno), senza l’urgenza di approfondimenti particolari.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
I consigli per un cuore sano e giovane
I consigli per un cuore sano e giovane
3 minuti
Forssmann e il cateterismo cardiaco
Forssmann e il cateterismo cardiaco
4 minuti
Indice di massa corporea (IMC): come si misura e che cosa indica
Indice di massa corporea (IMC): come si misura e che cosa indica
3 minuti
Al lavoro a piedi o in bici per prevenire il diabete e l'ipertensione
Al lavoro a piedi o in bici per prevenire il diabete e l'ipertensione
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna