17-06-2003

Da ipotesa ho cominciato intorno ai 50 anni ad

Da ipotesa ho cominciato intorno ai 50 anni ad avere un aumento della pressione arteriosa. Faccio controlli periodici e non risultano patologie che giustifichino un'ipertensione, se non Ansia e tensione alternate a cali di umore. Ho un'Epatite C cronica attiva da 12 anni e dovrei sottopormi a Terapia. I medici definiscono la mia ipertensione "lieve" ma la curano con Lobivon al mattino, Tareg a metà giornata, Norvasc la sera. Sento di non reggere più tante pillole, tanto più che le mie gambe sembrano sempre di più delle carte geografiche e al fegato certo non fanno bene. Vorrei un parere e un consiglio. Grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Sicuramente il suo medico curante avrà fatto un bilancio tra i vantaggi ed i possibili svantaggi legati alla terapia. Per ciò che riguarda gli effetti collaterali a livello degli arti inferiori sicuramente è possibile modificare la terapia stessa in modo da ridurre i fastidi.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!