Buonasera Dottori, Soffro da diversi anni di una secchezza della bocca che non si estingue mai, posso bere quanto voglio ma 2 minuti dopo che bevo mi torna questa sensazione, la chiamo sensazione proprio perché la mia salivazione è normale. Ho letto su internet che quando la salivazione è normale é probabile che il sintomo sia dovuto a patologie neurologiche, ovvero recettori sensoriali danneggiati o danni all’encefalo. Ho effettuato una risonanza encefalo due anni fa per altri motivi (mal di testa continuo) risultata negativa. Siccome il sintomo mi è venuto a fine estate, e mi ricordo che in quel periodo ho provato le prime sigarette e mi girava tantissimo la testa e avevo bevuto qualche cocktail, é possibile che abbia avuto una lesione cerebrale o un tia che poi alla risonanza non si è visto in quanto fatta quattro anni dopo? E che questi siano responsabili del mio sintomo? Sono convinta sia un danno neurologico ai recettori sensitivi dovuto a questo, proprio perché le ghiandole salivari funzionano e ho escluso tutti i tipi di diabete. Ho pensato possa aver avuto un calo di ossigeno al cervello che mi abbia danneggiato i nervi. É possibile come causa? Quali esami devo fare per capirlo? magari sono ipersensibile all’alcool o alle sigarette e a me abbiano danneggiato qualche nervo. Non mai effettuato risonanza al collo ma solo ecografia alle ghiandole salivari. Buona serata e grazie per l’attenzione