Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Medici
  • Salute A-Z
  • Per le aziende
L’ESPERTO RISPONDE

Distrofia muscolare

Salve, curo l'ipertensione con una compressa di lobivon la mattina e mezza compressa di bifril la sera. Ho la Distrofia muscolare e da poco ho compiuto 40 anni. I primi sintomi di pressione alta (soprattutto la minima) sono comparsi da pochi mesi, confermati dall'holter delle 24 ore. Ho letto, a proposito delle cure, che l'associazione di Beta-bloccanti con ACE-inibitori è piuttosto criticata e messa in dubbio da ricerche del mondo scientifico. Con la cura la pressione si è normalizzata ma sintomi come spossatezza e diminuito vigore sessuale sono evidenti. E' davvero impossibile rinunciare alle medicine? La distrofia muscolare richiede un approccio terapeutico differente? Grazie dell'attenzione e saluti.
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
Personalmente non ho nulla contro l’associazione ACE-inibitore + Beta-bloccante, che anzi può assicurare effetti protettivi sul sistema cardiovascolare, indipendenti dal semplice effetto antiipertensivo. Sicuramente, analogamente ad altri farmaci antiipertensivi (ad esempio i calcio antagonisti), possono causare spossatezza e diminuito vigore sessuale. Potrebbe cercare insieme al Suo medico di famiglia di individuare la combinazione di farmaci che Le assicuri il miglior controllo pressorio ed il minor numero di effetti indesiderati. Riguardo al fatto che la distrofia muscolare possa determinare l’insorgenza di ipertensione arteriosa, la associazione è descitta solo per la fasi più avanzate di distrofia in cui cominciano a verificarsi dei disturbi notturni della respirazione.
Risposto il: 14 Giugno 2004
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali