Buonasera , innanzi tutto colgo l'occasione per ringraziarvi per il servizio che offrite.Sono un ragazzo di 22 anni, fumo sigarette in compagnia, non bevitore. Purtroppo 5 giorni fa' , insieme ad amici , mi sono fatto qualche tiro di Marijuana (era la 3 volta nella mia vita in cui ne facevo uso). Dopo circa 5 minuti dal fatto, ho iniziato a sentire... Leggi di più una strana sensazione di freddo a livello dello stomaco, subito dopo mi è venuto un forte giramento di testa , sentivo di stare per svenire da un momento all'altro e sentivo di avere la tachicardia, e sono caduto nel panico. Ho chiesto al mio amico di richiedere dei soccorsi , e ho chiamato il 118. L'operatore mi ha detto che erano i normali effetti della cannabis a darmi quei sintomi..Così ho cercato di tranquillizzarmi sperando mi passasse tutto.L'indomani mattina ancora mi sentivo intontito , così ho deciso di andare in PS, dove però ho detto di aver solo bevuto alcol (per paura di sanzioni penali), e dopo un rapido test neurologico e un ECG , sono stato rilasciato con l'indicazione di bere molto.Oggi, a distanza di 6 giorni, ancora permane un senso di intontimento , ovattamento. Sento una leggera pressione a livello delle tempie. Ho cercato in internet, e sembra che questo disturbo venga chiamato "derealizzazione" e "depersonalizzazione" , ma per essere sicuro vorrei chiederlo a voi.Non sò come posso far passare questa sintomatologia.Ho paura di essermi causato un danno neurologico irreversibile.Riuscirò a tornare completamente lucido con il passare del tempo? Se ci fosse stato un problema neurologico, la dottoressa del PS lo avrebbe capito? O servono esami strumentali?Esistono casi analoghi al mio?Grazie anticipate. Cordiali saluti