20-06-2007

febbricola e dolori emisoma superiore sn

Da circa due mesi (metà Aprile) ho manifestato dolore retroscapolare sinistro con diffusione al braccio sinistro e alle ultime due dita omolaterali. Dopo continui tentativi con pomate e cerotti antinfiammatori il dolore non regrediva. Il dolore si estendeva anche a livello del muscolo pettorale e alla mandibola sinistra, Pensando alla mammella (per presenza di un fibroadenoma sinistro) ho eseguito ecografia e visita senologica che ha evidenziato un aumento del nodulo di soli 4 mm passando da 13 mm a 17 mm. Il senologo mi ha riinviato a novembre per un'ulteriore visita. Successivamente, a metà maggio, al dolore si è aggiunta febbricola, una forte astenia,gola arrossata senza faringodinia e piccoli linfonodi palpabili latero-cervicali. Per tal motivo il medico mi consigliava riposo, antibiotici, sciroppo antinfiammatorio e vitamine. Avevo eseguivo prima di iniziare la terapia, emocromo che evidenziava globuli bianchi 8850 col 42% di neutrofili e 50 % di linfociti. Per la forte astenia ripetevo di nuovo il prelievo con aggiunta del complesso Torch e monotest. L'emocromo evidenziava un aumento dei leucociti 9750 con 66% di neutrofili e 26% di linfociti; il complesso TORCH segnalava la sola presenza di Ig anti Cytomagalovirus uguale 102 U, monotest era negativo Si è pensato immediatamente ad una sintomatologia legata ad infezione da Cytomegalovirus. Dopo circa 10 giorni la sintomatologia incominciava a migliorare permanendo dolore vertebrale dorsale. All'inizio di giugno ulteriore manifestazione di dolore retroscapolare sinistro con irradiazione al braccio e alla mandibola, decidevo di eseguire ecocardiogramma che presentava ispessimento dei foglietti pericardici e scollamento del lembo inferiore. Ora in data 20/06/07 sono ancora a riposo e sto assumendo indometacina 100. Ora mi chiedo questa forma di pericardite può essere dovuta ad una forma virale (devo dire che nel mese di febbraio ho avuto un'influenza mal curata) e se così fosse dall'influenza all'insorgenza della pericardite quanto tempo dovrebbe intercorrere?Dovrei sospettare un'altra causa dell'origine della pericardite, nonostante RX del torace, l'ecografia addome superiore ed inferiore e gli indici infiammatori (VES,PCR, LDH)(nonostante siano stati eseguiti dopo una fiala da 1,5 mg di Bentelan) siano negativi. Vi sarei tanto grata per una risposta rapida sono in pensiero. Grazie
Luigi LUCIBELLI
Risposta di:
Luigi LUCIBELLI
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Medicina d'emergenza-urgenza
Risposta
Il quadro merita un'attenta valutazione anche a distanza e non è possibile formulare alcuna diagnosi perchè la storia è poco precisa in alcuni punti. Il mio consiglio è quello di farsi rivedere da un medico internista che lei stima nell'ntento di formulare una posibile diagnosi.
TAG: Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!