13-03-2018

Forti exstrasistoli e tachicardia

Salve Dottore.

L'altra sera mi è capitata una cosa che mi ha trasmesso tanta paura, essendo un tipo molto ansioso. Ero a tavola e dopo aver finito di mangiare una pizza (ho problemi di aerofagia e di stomaco in generale dovuti soprattutto ad ansia) inizió a venirmi tachicardia e appena mi alzai sentii come se il cuore avesse avuto dei battiti anticipati molto pronunciati con conseguente mancanza di respiro.. Dopo questi sbalzi del cuore, è tornata tachicardia che ogni tanto si alternava a queste forti exstrasistoli. Premetto che avevo urgenza di andare in bagno e di espellere aria sia dall'intestino che dallo stomaco e dopo averlo fatto, la tachicardia è continuata fin quando non era stata espulsa tutta l'aria. Avvertivo come se tutta questa situazione provenisse dall'intestino. La mia domanda è questa: possono questi problemi di stomaco e di intestino irritabile (dovuti sicuramente ad ansia) provocare queste reazioni al cuore? Recentemente ho effettuato tutti gli esami cardiologici risultati nella norma (avendo familiarità per morte improvvisa mi sottopongo sempre ad accertamenti e 5 anni fa ho effettuato anche studio elettrofisiologico) e ho effettuato anche gastroscopia che ha rilevato presenza di ernia iatale e gastrite, per le quali faccio una cura stagionale a base di pantoprazolo al mattino, levosulpiride prima dei pasti e gavisvon dopo i pasti. Queste "crisi" possono anche innescare aritmie pericolose?

Grazie infinite per la risposta

Risposta di:
Dr. Marcello Picchio
Specialista in Chirurgia dell'apparato digerente e Chirurgia generale
Risposta

La tachicardia è l'aumento di frequenza dei battiti cardiaci e va documentata, contando i battiti al minuto con la semplice palpazione del polso arterioso. Nel suo caso non credo che ci sia da preoccuparsi, visto che ha già eseguito indagini cardiologiche mirate.

TAG: Adulti | Apparato circolatorio | Cuore | Esami | Giovani | HR - Tachicardia | Malattie dell'apparato cardiovascolare | Psicosomatica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!