L’ESPERTO RISPONDE

Funghi in gravidanza e dolori di stomaco

Gentile dottore, sono una donna di 30 anni al 5 mese di gravidanza (primipara).
Mi è successo di trascorrere una notte intera a vomitare il pranzo del giorno precedente a base di funghi. Premetto che di solito pongo molta attenzione all'alimentazione, ma quel giorno ho mangiato cose insolite e pesanti per me, le spiego nel dettaglio: colazione con dolci fritti più cornetto, pranzo: pasta con gorgonzola e funghi champignon e pleurotus, parmigiana fritta di funghi patate e funghi fritti, due dolci con crema dopo pranzo, frittata di zucchine in serata.
Di solito mangio la frittura 1 volta al mese, e non abuso mai così tanto di dolci.
Premetto ancora che, già altre volte in passato ho mangiato i medesimi funghi e non ho mai avuto alcun problema, ma stanotte ho iniziato ad avere tachicardia con forti crampi addominali, sensazione di testa vuota e vertigini, non avevo nausea, solo questi crampi così forti.
Allora ho effettuato misurazione della pressione arteriosa che risultava essere: 100/140 (solitamente la mia pressione è tendenzialmente bassa tipo: 60/100) questo esito mi ha agitata ulteriormente ed ho dato di stomaco, ma il malessere cresceva intanto ed aumentavano i crampi, quindi per tutta la notte ho vomitato funghi chiaramente riconoscibili.
Il tutto seguito da 2 attacchi di diarrea. Il giorno seguente sono stata a letto sforzandomi di bere un po' d'acqua e mangiare una fetta biscottata, ho avuto un'improvviso rialzo di febbre a 38 che poi è andata scemando da sola.
Ora, le chiedo: si è trattato di una intossicazione da funghi, un'influenza gastrointestinale o una indigestione? E se indigestione, come mai? non mi capitava un'episodio del genere da quando ero una bambina.
Risposta del medico
Specialista in Pediatria e Gastroenterologia
Gentile Signora,
dopo quello che lei ha desritto, non credo sia difficile rispondere alla sua domanda, ed in parte lei lo ha già fatto da sola. Essere in gravidanza non significa mangiare tutto quello che sia vuole sia qualitativamente che quantitativamente. Una buona igiene alimentare è sempre bene osservarla! Quindi, l'ipotesi della "mappazza" sicuramente è quella più probabile. Unico dubbio? La febbre.

Saluti 
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Acido folico, cos’è e a cosa serve
Acido folico, cos’è e a cosa serve
2 minuti
Ciclo in ritardo, quali possono essere le cause
Ciclo in ritardo, quali possono essere le cause
3 minuti
Terza dose di vaccino anti-Covid in gravidanza
Terza dose di vaccino anti-Covid in gravidanza
3 minuti
Bruciore di stomaco: cause e rimedi
Bruciore di stomaco: cause e rimedi
3 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Gastroenterologia
Catania (CT)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Gastroenterologia e Reumatologia
Milano (MI)