20-03-2008

Gentili dottori, da più di un mese mi catita di

Gentili dottori, da più di un mese mi catita di accusare sempre più frequentemente delle crisi lipotimiche, con senzazione di svenimento, come se per un istante si bloccasse il flusso sanguigno, con necessità di sostenermi di prendere aria. Quando mi accade mi sento in aria come se fossi in uno stato di ubriacatura, sento voci ma non riesco a concentrarmi, questo disturbo a volte svanisce dopo pochi minuti a volte dura ore o addirittura tutto il giorno. La prima crisi l'ho avuta al ristorante circa due mesi fa dopo aver bevuto mezzo bicchiere di vino bianco (preciso che in genere al ristorante ne bevevo di più senza alcuna sintomatologia). Successivamento la crisi l'ho avuta mentre mi rescavo al lavoro in macchina mentre fumavo un mini sigaro (non fumato per la prima volta). Oggi l'ho avuta mentre ero seduto, ho sentito una fitta sotto il costato sinistro e subito dopo una sensazione di svenimento durata qualche minuto. Preciso che sono iperteso in cura con plaunac 10 mg. e ascriptin 300 mg., ho un'inversione della colonna cervicale con stenosi degenerativa dei forami di coniugazione, nonchè ernia iatale da scivolamento con esofagite da reflusso di grado A, tutte diagnosticate con RMN e con gastroscopia. Un anno fa ho eseguito ECG holter 24 h., ecocardiogramma ed ecocololdoppler carotidi tutti esami negativi. Vorrei sapere se queste crisi possano essere attribuite ad una delle cause sopra descritte o devo eseguire ulteriori accertamenti. Grazie per la Vs. disponibilità.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Potrebbe essere utile una consulenza di un neurologo. I sintomi non sembrano comunque legati alle patologie di cui soffre.