Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

19-01-2004

Grazie anticipatamente per la vostra

Grazie anticipatamente per la vostra disponibilità. Mio padre è stato operato nel 2000 per un Carcinoma all'esofago. Nel 2002 sono comparse Metastasi al Polmone e al fegato. Ad oggi il valore della bilirubina totale è 6.93. Vorrei sapere se sta andando incontro al coma epatico e se esitono terapie idonee per questo tipo di metastasi. Da circa un anno è stato sottoposto a continui cicli di chemioterapia che si sono interrotti dopo il calo dell'emoglobina.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
Il coma epatico è espressione di una estrema insufficienza nella funzione del fegato e di solti è appannaggio della cirrosi epatica. Nel caso di suo padre, ritengo che la compromissione epatica sia secondaria alla patologia primitiva esofagea, pertanto è quest’ultima che condiziona la prognosi. Comunque è necessario avere a disposizione una maggiore quantità di informazioni sul caso prima di potere esprimersi in maniera affidabile. Le terapie idonee per le metastasi epatiche sono, ovviamente di tipo palliativo, trattandosi di una patologia diffusa e non limitata al fegato. Sono da valutarsi in base al singolo caso, alla luce di tutti i dati completi circa il paziente (condizioni cliniche generali) e gli esami effettuati. Si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di sottoporlo a terapie ablative per cutanee (alcolizzazione, termoablazione) delle lesioni nodulari. In ogni caso la chemioterapia è una terapia indispensabile in questo caso.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!