15-04-2008

Ho 30 anni.qualche anno fa ho assunto dei

hO 30 ANNI.qualche anno fa ho assunto dei diuretici per regolarizzare le mestruazioni (aldactone). Da allora ho iniziato a non sentirmi bene...Stanchezza infinita, senso di cadere per terra quando cammino o dopo essere stata tanto seduta, testa pesante. Ho capito di avere la pressione bassa dall'holter pressorio. quando sento di non stare bene sento il cuore strano: mi sembra che i battiti rallentino, e mi sento meno ossigenata. Da allora questa sensazione mi accompagna spesso ed e particlarmente pesante dal momento che ho un bimbo di 16 mesi e lo allatto ancora. Purtroppo però, il mio non è considerato nulla di grave dalla mia dottoressa di fiducia, poichè causato dalla pressione bassa. Io in realtà avrei voglia di approfondire la cosa perchè nutro la paura subdola che il mio malessere sia sottovalutato...capisce, quando sto male (ed è da anni che sento queste manifestazioni) oltre alle sensazioni elencate ho paura che qualcosa non vada...gli esami del sangue vanno bene, non ho anemie.Ma siccome ho questa strana sensazione dei battiti che calano avrei piacere di effettuare degli esami per vedere eventualmente la tiroide e fare un ecocardio (l'elettrocardiogramma è sempre andato bene). Chi soffre di pressione bassa è sempre visto come un malato un po'immaginario....ma in realtà ognuno sa di casa sua. Cosa ne dice?Grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Lei pone varie questioni Il fatto di avere assunto diuretici in passato(qualche anno fa),indipendentemente da quale fosse allora l’indicazione, non può più di per se esercitare alcun ruolo nel determinismo dei disturbi attuali. Quanto alla “pressione bassa” e e ai “battiti rallentati” esiste l’ opinione diffusa,quasi una leggenda, che una sintomatologia caratterizzata da astenia,depressione del tono dell’umore,stancabilità,sonnolenza, possano essere correlate con pressione bassa o polso lento. In realtà solo in casi specifici PA bassa e polso lento possono essere considerati la causa di sintomi; In questi casi il problema va risolto alla radice ma si tratta di situazioni gravi e così eclatanti che di solito non sfuggono al medico Nelle altre situazioni si ritiene saggio tranquillizzare i pazienti e consigliare di non controllare in maniera ossessiva PA e polso Il controllo della funzione tiroidea può essere opportuno .L’ecocardiogramma oramai è divenuto un esame di routine costa poco ed è poco impegnativo.Può quindi essere programmato ma in realtà nel suo caso non avrebbe indicazione.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare