21-07-2006

Ho 37anni, sono in sovrappeso h 175 x 94 kg, anche

ho 37anni, sono in sovrappeso h 175 x 94 Kg, anche se in realtà sono abbastanza robusto vista la mia attività di ex Body builder (non è solo pancia insomma). Devo premettere di essere un soggetto ansioso e credo anche molto predisposto alla depressione, di cui in passato ne ho sofferto fortemente. Da un pò di tempo la mia attenzione si è concentrata sul fatto che spesso riesco a percepire il mio battito cardiaco non solo quando sono in movimento, ma anche quando sono sdraiato sul divano a guardare la televisione. Spesso in estate da sdraiato oltre a percepirlo, diciamo, internamente, riesco a vedere, per esempio l'addome muoversi al ritmo del battito cardiaco. A volte, quando prendo un oggetto e lo stringo nelle mani riesco a percepire il battito proprio nelle mani. Da sempre ho pensato che la cosa fosse del tutto normale, ma a seguito della morte di un mio cognato per problemi cardiaci, sono entrato alla grande in un vortice di ansia e ipocondria, anche per la presenza di alcune sporadiche extrasistole (due o tre al giorno), aritmie anchesse da sempre presenti ma a cui prima non davo alcuna importanza. Ho eseguito due ecg, una rx torace ed esami del sangue, anche sulla funzione tiroidea, tutto nella norma. Ho eseguito anche un ecocardiogramma con eco color doppler presso un cardiologo specialista in medicina dello sport, tutto nella norma tranne una lieve ipertrofia del SIV (12 mm), dovuta a parere del cardiologo dalla intensa attività sportiva svolta in passato e che tutt'ora pratico. Lo stesso ha definito il mio cuore un "cuore d'atleta", mi ha raccomandato di non proccuparmi che è tutto OK. Avevo fatto anche un holter ma l'apparecchio non ha funzionato, dovevo ripetere la registrazione, ma ho rifiutato perchè l'esame in sè e l'attesa del risultato erano per me emotivamente intollerabili. Il cardiologo ha detto che comunque potevo stare sereno perchè a suo parere ho un cuore sano al 101 %. Ma il malessere generato dall'ansia ha continuato a pervadere il mio fisico e la mia psiche, tanto che non riesco più a vivere bene e sono dimagrito di oltre sette chili in un mese e mezzo (forse questo è un bene). La p/a è di 120/80 a volte 135/85, con sbalzi fino a 140/90 quando sono particolarmente agitato, il che avviene non tanto raramente. I battiti cardiaci comunque sono a riposo tra 55/65. Ho letto da qualche parte che i soggetti che percepiscono il proprio battito cardiaco sono più predisposti all'ansia e alla depressione. Volevo un vostro parere sul referto dell'ecocardio e sulla mia situazione. Mi scuso per la lunghezza della domanda, perdonatemi.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
I suoi esami cardiologici sono assolutamente normali (compreso l’ecocardiogramma). Deve trattare la sua ansia e da questo punto di vista il cardiologo non può fare molto.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!