L’ESPERTO RISPONDE

Ho letto che da una ricerca condotta a pisa, è

Ho letto che da una ricerca condotta a Pisa, è emerso un rapporto tra il valore ematico GGT e il rischio di infarto e Ictus. Vorrei maggiori chiarimenti. Grazie
Risposta del medico
Dr. Fegato.com
Dr. Fegato.com

Del tutto recentemente ricercatori nel campo della cardiologia hanno scoperto una relazione tra livelli di GGT e rischio cardiovascolare indipendente dalla patologia epato-biliare. Un semplice esame del sangue quindi potrebbe fornire importanti indicazioni sui rischi legati all'infarto e all'ictus, in particolare nei soggetti con età inferiore a 60 anni. Il ivello di attività GGT viene utilizzato correntemente come indice di disfunzione... Continua epatobiliare e di abuso di alcol od in relazione allassunzione di farmaci. Nel 1999 presso il dipartimento di Patologia sperimentale di Pisa è stato evidenziato che tale enzima (GGT) è presente anche nelle placche aterosclerotiche, ossia nelle porzioni di parete arteriosa che si ammalano in corso di cardiopatia. Studi condotti in seguito su una casistica di pazienti con cardiopatia ischemica accertata con esame coronarografico hanno dimostrato che il rischio di morte cardiaca e infarto miocardico potecva essere predetto dai livelli di GGT sierica ed che tali livelli erano del tutto indipendenti dalla presenza di malattie epatiche e dal consumo di alcol. Anzi, cosa già nota da tempo, l’alcol esercitava un'azione protettiva. Si ritiene che la GGT sierica sia in grado essa stessa di infiltrare la parete arteriosa e di contribuire all'aggravarsi delle lesioni responsabili dell'infarto miocardico, dell'ictus cerebrale e della morte cardiaca. Tali risultati, ancora preliminari, hanno tuttavia ricevuto conferma da uno studio epidemiologico austriaco su larga scala pubblicato dalla rivista statunitense “Circulation”, la più prestigiosa del settore. La sperimentazione austriaca è stata condotta su dati raccolti negli anni dal 1985 al 2001, relativi a quasi 164.000 volontari facenti parte di un programma di monitoraggio dei fattori di rischio per malattie croniche. Lo studio ha riconosciuto un rischio cardiovascolare aumentato di 1,5 volte nei soggetti con GGT elevata di entrambi i sessi, rischio salito a 2 volte nei soggetti con età inferiore a 60 anni. In sostanza, questi dati confermano un impatto diagnostico su eventi fatali collegati con cardiopatia ischemica, scompenso cardiaco ed ictus ischemico ed emorragico.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Nel 2015 più di mille trapianti di fegato in Italia
Nel 2015 più di mille trapianti di fegato in Italia
1 minuto
A Pisa eseguito un eccezionale trapianto di fegato su un paziente emofiliaco
A Pisa eseguito un eccezionale trapianto di fegato su un paziente emofiliaco
1 minuto
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
1 minuto
Angioma nei bambini: cosa fare?
Angioma nei bambini: cosa fare?
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Roma (RM)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia e endoscopia digestiva
Piano di Sorrento (NA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Spinea (VE)
Specialista in Gastroenterologia e Epatologia
Palermo (PA)
Specialista in Medicina interna e Gastroenterologia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Epatologia e Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Medicina interna e Epatologia
Siracusa (SR)
Specialista in Gastroenterologia e Medicina interna
Milano (MI)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Medicina interna
Prov. di Bologna
Specialista in Medicina interna e Pediatria
Prov. di Roma