09-01-2006

In data 19/08/05 ho eseguito un ecocardiogramma

IN DATA 19/08/05 HO ESEGUITO UN Ecocardiogramma RISCONTRANDO IL DIAMETRO DELLA RADICE AORTICA PARI A 4,3>3,7, QUALI TERAPIE DEVO ADOTTARE? QUALI SONO LE DIMENSIONI MASSIME DOPO LE QUALI è NECESSARIO L'INTERVENTO CHIRURGICO? PUO' ESSERE UN FATTORE GENETICO? LA pressione un po' alta 125/90 il Colesterolo 245 e i Trigliceridi 247 possono giustificare tale dilatazione? Esiste una cura per riportare la radice aortica ai valori normali?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Grazie del contatto. Mi riporta due valori dimensionali dell’aorta (4.3 e 3.7) e considereremo quello più elevato. Il limite per l’indicazione chirurgica è di almeno 5.0 ma ciascun caso deve essere valutato in relazione all’inquadramento generale della persona (con sindrome di Marfan o meno? Con familiarità per disecazione aortica, con ipertensione arteriosa non controllata, con evidenza di una progressione dei diametri aortici, ecc …) per definire al meglio la strategia terapeutica migliore. Un altro elemento importante è quello relativo alle condizioni in cui si trova la valvola aortica. Pertanto, faccia riferimento al proprio Curante con le risposte alle ipotesi che Le ho indicato, controlli la pressione arteriosa (130/85 mmHg come limite massimo) ed eventualmente ci ricontatti – se ritiene necessario.
TAG: Genetica medica | Malattie rare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!