Gentili dottori, Scrivo per il mio compagno, 29 anni. Da almeno un paio di anni soffre di episodi isolati di dolore al gluteo sinistro che si irradiava a volte alla gamba, o di dolore lombare a seguito magari di sforzi. I primi di agosto, in assenza di dolore, avverte ipoestesia coscia sinistra nella parte anterolaterale. Ci rechiamo così al ps dove viene fatta visita neurologica approfondita sia dal medico di ps che dal neurologo. La visita é completamente negativa per fortuna quindi il neurologo gli prescrive risonanza del rachide ls in quanto ritiene che il sintomo sia associabile ad una radicolopatia dovuta ad un'ernia.La risonanza da il seguente esito: Esame eseguito utilizzando sequenze t1 e t2 pesate condotte secondo piani di scansione assiali e sagittali. Perdita della fisiologica lprdosi lombare. Note degenerative sono presenti a carico dei dischi intersomatici compresi tra L1 L2 e L4 L5. A livello L1 L2 sono presenti formazioni osteofitarie marginali ed edema della spongilosa ossea subcondrale delle limitanti somatiche contrapposte. A livello L4 L5 è presente ernia discale paramediana sinistra che occupando il forme di coniugazione omolaterale e determina fenomeni complessivi sulla radice nervosa corrispondente; in corrispondenza della elemento della angolo posterò superiore di L5 é inoltre presente edema della spongilosa ossea subcondrale con iniziale ernia intraspongilosa. Regolare altezza dei corpi vertebrali esaminati. Il canale vertebrale ha una ampiezza nei limiti. Presenza di angioma nel contesto del corpo vertebrale di L2.Portiamo il referto al curante il quale dice che è proprio l'ernia l4 l5 ad aver dato il sintomo della ipoestesia, perché le ernie che improntano le radici nervose danno questi sintomi. Così prescrive cura di cortisone e muscoril x via i.m., fisioterapia perché ha riscontrato muscoli contratti, e nuoto. Inoltre consiglia somministrazione di integratore neurolip.Come ho detto l'insorgere del sintomo non era associato a dolore ma qualche giorno dopo, facendo un lungo viaggio in macchina ha avuto dolori alla zona lombare ed al gluteo. Adesso la situazione é migliorata, la ipoestesia non é scomparsa del tutto ma è migliorata abbastanza. Volevo sapere da voi, come mai la ipoestesia si è manifestata solo alla parte laterale della coscia e non a tutta la gamba posteriore? Il curante dice che dipende molto dalle fibre nervose che sono state lesionate o cmq sofferenti. E che ci vogliono anche mesi e mesi affinché la parestesia scompaia del tutto perché le fibre nervose sono sottilissime.Inoltre volevo sapere, l'approccio che sta adottando ora, cioè esercizi di posturale 3o4 volte alla settimana, nuoto 3 volte alla settimana e integratore a base di acetilcarnitina e vitamina b12 è l approccio giusto? Mi scuso per le varie domande ma mi sono preoccupata un po' all inizio perché ho cercato su internet il sintomo della parestesia e sono uscite delle malattie orribili, ma il mmg ed anche un neurologo consultato per mail mi ha detto che il referto della rmn é chiarissimo e che è l'ernia che provoca questi sintomi. Grazie mille