26-09-2012

la cosiddetta tigna dei capelli

mi hanno dignosticato a vista ( il dermatologo) tinea corporis nel cuoio capelluto, mi ha dato una terapia orale + lo shampoo per l'igiene , ma dopo 7 giorni in vece di tendere a sparire si sta allargando e per di più mi brucia, anche se il prurito e scomparso ma mi mancano piu capelli nella zona di prima ed è tutto rosso devo continuare la terapia?
Risposta di:
Dr. Antonio Del Sorbo
Specialista in Dermatologia e venereologia
Risposta

Quando al momento della visita dermatologica, riscontriamo dei segni clinici patognomonici di alcune micòsi, per la diagnosi della cosiddetta tinea_capitis può essere sufficiente l'esame obiettivo (semplice osservazione diretta delle manifestazioni cliniche), mentre in assenza segni tipici, possono talora rendersi utili esami di approfondimento diagnostico, che vanno dall'osservazione delle chiazze mediante lampada_di_Wood, all'esame_microscopico_miceti, da effettuare sempre sotto la guida del proprio dermatologo, se questi li ritiene utili. La tigna del cuoio_capelluto è un fenomeno di non rara osservazione in dermatologia e al momento della visita specialistica, viene solitamente riconosciuta senza particolari problemi, distinguendola da eventuali altre patologie apparentemente simili ad essa, ma di altra natura (es. alopecia_areata, pitiriasi_amiantacea, etc). Al momento della prossima visita di controllo, il Suo dermatologo potrà fornirLe spiegazioni molto più dettagliate di qualsiasi consulto a distanza, potendosi basare sul tipo di manifestazioni cliniche ancora in atto, sull'esito di eventuali esami da lui suggeriti e sul tipo di risposta ai farmaci finora praticati. Cordiali saluti e in bocca al lupo!!!

TAG: Dermatologia e venereologia | Pelle