Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

02-12-2013

La ricanalizzazione postrombotica può lasciare danni valvolari permane

salve dottore ho avuto una distrazione muscolare al polpaccio sx, in ortopedia me lo hanno ingessato (doccia) conseguenza dopo 14 giorni di gesso trombosi venosa profonda, immobilizzazione per almeno 1 mese . questo succedeva il 10 settembre 2013, fine ottobre faccio un ecodoppler e risulta ok. adesso siamo a fine novembre sto facendo fisioterapia al piede, sono ancora in cura con il coumadin, ma il piede a un minimo movimento su e giu e ancora adesso ogni tanto si gonfia e diventa tutto rosso. come mai dopo che l ecodoppler a evidenziato che la vena e libera ,si gonfia ancora e diventa rosso il piede? premetto che non cammino ancora bene e non riesco nemmeno a guidare per via del blocco e del gonfiore che ho ancora al piede e de da settembre che sono a casa in mutua. quanto ci vorra ancora prima che torni a lavoro? grazie in anticipo saluti.
Risposta di:
Dr. Claudio Rosco
Specialista in Anestesia e rianimazione
Risposta

 Gentile Signora, il rilievo ecocolordopper di ricanalizzazione di vene coivolte in unevento tromboflebitico non significa che ''tutto e' apposto'' e che la vena e' tornata ad essere anatomicamente e funzionalmente quella che era prima della trombosi. Gli apparati valvolari frequentemente restano danneggiati e si concretizza la sindrome postflebitica talora. L'ecodoppler fatto in piedi puo' chiarire il quadro e dirle se ha un danno valvolare o no. Mi faccia sapere. Cordiali saluti

TAG: Apparato circolatorio | Chirurgia | Chirurgia vascolare | Malattie della circolazione
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!