Gentili dottori,sono una ragazza di 21 anni che purtroppo ha scoperto gli attacchi di panico precocemente (all'età di 12/13anni).Ho sempre convissuto con questo problema accettandolo e sdrammatizzandolo tanto che per molto tempo era quasi scomparso.Oggi invece mi ritrovo a scrivere qui in preda all'angoscia a seguito di alcuni eventi "strani"... Leggi di più verificatisi quest'anno che mi hanno portato a riflettere sia sulla mia salute fisica che mentale e a riabilitare la tesi del DAP.Verrò subito al dunque: l'evento che si è scatenato per primo e con una certa intensità ebbe luogo in un centro commerciale, lì ero con il mio ragazzo quando ad un tratto avvertii un attacco tachicardico seguito da pallore, brividi di freddo, strani brividi alla testa (mi sembrava di essere in un aereo durante la fase del decollo), senso di ovattamento e distacco e, non di meno, da un urgente bisogno di andare al bagno.Sono letteralmente fuggita e il tutto si è risolto dopo 5 min durante i quali questi disturbi comparivano e scomparivano.Ne ho avuto un altro, questa volta di sera e in spiaggia, che si è verificato allo stesso modo: iniziato con della tachicardia si è prolungato con i soliti brividi, con la sensazione di freddo e leggero offuscamento della vista e la sensazione che qualcosa di catastrofico fosse imminente.Dall'infanzia fino a qualche anno fà sono stata molto seguita in merito di cuore (ho eseguito un holter, più elettrocardiogrammi , ECG..ecc risultati tutti negativi) però questi eventi mi hanno portato a rivalutare la sua salute!Mi chiedevo ,a questo punto, se sintomi di questo genere possono rientrare in un attacco di panico e se questo può iniziare da un attacco tachicardico?! Grazie per la cortese attenzioneCordiali saluti