03-04-2008

Le scrivo perchè volevo sapere alcune

le scrivo perchè volevo sapere alcune informazione per quanto riguarda la dilatazione aortica ascendente caratterizzata da una valvupatia bicuspide. le elenco i dati dell'ecocardiografico- color doppler effettuata al BambinGesù il 14/03/08: DTDVS 51.0mm DTSVS 20.1mm pretronco anonimo "34 SIV 8.2 pp 7.7 AS 35mm Ao 39.0bulbo asc max 49.mm Fs 45% doppler: segni doppler di alterato rilascimento del vsin, insufficienza mitralica ed insufficienza aortica trascureabile. Mentre l'esame edeguito il 18/10/2007 le condizione erano le medesime della visita effettuata al San Camillo: radice aortica:40" 23-34mm" atrio sx:22 "30-42mm" ventricolo sx TD:51 "39-49MM" ventricolo sx TS:24 "23-33mm" spessore td setto:10"8-12" spessore Td parete posteriore:8 "8-12MM" parete posteriore VS td 8 VS TS 14. Iperteso. Valvola aortica bicuspide, normofunzionante. ectasia dell'aorta ascendente "circa 45-47mm" sia alla valutazione ecocardiografica che alla TC. la terapia medica in atto: LOBIVON MEZZA COMPRESSA - LA SERA BLOPRESS 16. Cosa consiglia visto il peggioramento che abbiamo ad oggi accertato tramite eco? è normale un cedimento cosi celere in un trascorso cosi breve? che rischio corre?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Gentilissimo signore, il quadro che appare dalla sua accurata descrizione richiede alcune considerazioni: la valvola aortica bicuspide è la cardiopatia congenita più frequente (1-2% della popolazione generale) e nella maggioranza dei casi richiede un intervento cardiochirurgico riparativo entro la settima decade di vita. L’intervento si rende necessario perché la valvola si degenera col tempo ed inoltre la radice dell’aorta progressivamente si dilata. Quando il diametro dell’aorta ascendente raggiunge i 50 mm. diventa prudente prendere in considerazione l’operazione di sostituzione con tubo protesico associato ad eventuale plastica o sostituzione della valvola stessa. L’intervento si rende necessario perché la struttura della parete dell’aorta, nei casi con valvola bicuspide , è più fragile quindi a rischio di improvviso sfiancamento e lacerazione in particolare in presenza di ipertensione arteriosa ( come nel suo caso). Si considera rischioso l’ aumento del diametro dell’aorta superiore al 5% nell’ultimo anno per cui lei , a mio parere, deve ripetere l’ecocardiogramma o la risonanza magnetica nucleare fra sei mesi. La terapia che sta prendendo è razionale comunque può aumentare la dose del betabloccante (LOBIVON) qualora la PA superi i 120. Eviti l’attività fisica di tipo anaerobico e gli sforzi di tipo isometrico (sollevare pesi, spingere oggetti, tirare funi, ecc.). Come profilassi generale per l’endocardite infettiva è importante una perfetta igiene orale e visita odontoiatrica periodica. Cari saluti
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!