22-06-2017

Marcata gastrite cronica e ampia metaplasia intestinale: è grave?

Egregi dottori, ieri è arrivato al mio recapito il mio referto medico dopo avere fatto un'analisi presso un gastroenterologo della mia zona. Tale referto riporta: «MACROSCOPIA: Quattro frammenti di 9 mm di diametro complessivo. MICROSCOPIA: Frammenti di mucosa gastrica comprendenti ghiandole di tipo pilorico e rarissime ghiandole di tipo ossintico, sede di marcata gastrite cronica attiva con presenza di aggregati linfoidi, marcata atrofia ghiandolare, e ampia metaplasia intestinale. Presenti microorganismi Helicobacter Pylori simili (+++).»

È parecchio grave? Volevo che Voi mi deste qualche dritta su come comportarmi e magari spiegarmi in maniera quanto più esauriente in che cosa consistessero taluni problemi istologici quali la suddetta metaplasia. Cosa mi suggerite di fare perché possa prevenire una qualche malattia ancora più gravosa? Ci tengo a puntualizzare che ho settantadue anni e che ultimamente ho riscontrato vari problemi associati alla digestione, quali per esempio il gonfiore di stomaco. Ciononostante, non sento nessun particolare dolore che di norma la gastrite dovrebbe causare. Vi ringrazio. Cordiali saluti, G.F.

Risposta di:
Dr. Luano FattoriniDottore Premium
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'Apparato Digerente e Endoscopia Digestiva
Risposta

Sì tratta di una gastrite cronica atrofia con infezione da helicobacter pylori e con metaplasia, è importante eradicare il batterio e curare con opportuni farmaci lo stomaco, monitorando la situazione con l'apporto costante del gastroenterologo. Cari saluti.

TAG: Gastroenterologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!