Leggi anche:
La tosse può essere un disturbo molto fastidioso: ecco i rimedi naturali come latte, infusi e soprattutto miele.
28-02-2006

Mio padre è stato un grande fumatore. da luglio

Mio padre è stato un grande fumatore. Da luglio 2003 fuma la pipa.
Ha subito una nefrectomia destra per calcolosi ostruttiva, è affetto da
Ipertensione arteriosa in terapia con ACE inibitore e Pregressa Diagnosi di rettocolite ulcerosa paucisintomatica.Ricoverato nel gennaio 2003 nel Centro di riabilitazione cardio-polmonare per ridotta tolleranza allo sforzo e peggioramento della dispnea.Durante la degenza si verifica un episodio di grave insufficienza renale, attribuita a un episodio di grastroenterite intercorrente.. Trasferito all’Ospedale Borgo Trento di Verona, viene sottoposto a sedute dialitiche. E nuovamente ricoverato a Zevio per intervento riabilitativo. Diagnosi alla dimissione: BPCO. Ipertensione arteriosa. Vasculopatia dei tronchi sovraortici.
Nuovo ricovero a Zevio per peggioramento della Dispnea accompagnato da incremento ponderale, nell’aprile 2003.Diagnosi alla dimissione: BPCO. Ipertensione arteriosa. Lieve insufficienza renale cronica.
Viene prescritta ossigenoterapia nel corso della notte e sotto sforzo.
Nel giugno si ricovera alla 2° U.O. di Pneumologia dell’ospedale di Careggi di Firenze per insufficienza respiratoria globale, attribuibile a BPCO riacutizzata. Esiti fibrosi a livello del lobo inferiore destro con bronchietasie da trazione. Sottoposto a TTO-TC del torace, che accerta ampie alterazioni di tipo enfisematoso a carico dei campi polmonari con prevalenza dei reperti a destra e a carico del lobo superiore. Discreto ispessimento verosimilmente fibroso della pala inferiore della grande scissura di destra con associate bronchiectasie da trazione. Qualche tralcio fibroso è presente anche nel seno costofrenico destro. Regolarmente pervi la trachea e le grosse diramazioni bronchiali. Non si registrano tumefazioni linfonodali patologiche. Viene consigliata ossigeno terapia 24 ore su 24.
Protocollo farmacologico: Norvasc; Cardioaspirina; Nexium; Lasix; Rocefin; Medrol. Aerosol con Broncovaleas, Clenil, Oxivent.
Fino ai primi giorni di gennaio 2004, il paziente ha un netto miglioramento, anche grazie a sedute di fisioterapia e al dimagrimento.
I problemi renali sono sotto controllo.
Dal gennaio 2004 lamenta un aggravamento delle difficoltà respiratorie, anche in presenza di un aumento di peso. È costretto a un più frequente ricorso all’ossigeno. Dimostra scarsa tolleranza allo sforzo. Il suo stato è fortemente condizionato dai fattori climatici. Non lamenta tosse, se non dopo le sedute di fisioterapia.

Può essere un candidato per un trapianto di polmoni? in Francia, Parigi o Lione credo, so esserci validi centri di trapianto.

Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Raffaella Raio
Risposta di:
Raffaella Raio
Non è possibile rispondere semplicemente alla sua domanda in quanto la valutazione del trapianto polmonare è legata a numerosi fattori anche extrapolmonari. L'insufficienza renale e l'ipertensione arteriosa sistemica talvolta possono essere controindicazioni assolute. Ottimi centri sono presenti anche in Italia per effettuare tali valutazioni.