Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

06-11-2006

Nel mese di giugno del c.a. ho avuto una

nel mese di giugno del c.a. ho avuto una fibrillazione atriale. Poichè al pronto socc. non mi è stata fatta (?) la cardioversione esterna entro le 48 ore, sono stato dimesso per iniziare la scoagulazioone con coumadin e a distnza di un mese mi è stata fatta la cardioversione interna per via arteria femorale. Da allora continuo ad assumere il coumadin e mi viene detto che tale terapia, presumibilmente e da fare per tutta la vita. La mia domanda è: se si fosse fatta la cardioversione esterna(in tempo) si sarebbe evitato l'assunzione continua del predetto farmaco. Grazie.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
In genere se si tratta del primo ed unico episodio di fibrillazione atriale, se viene dimostrato il mantenimento del ritmo sinusale a distanza di tempo e non ci sono altre indicazioni specifiche, la terapia antiocoagulante viene interrotta dopo 4 settimane dalla cardioversione comunque ottenuta. Discuta con il suo cardiologo l’indicazione alla prosecuzione di detta terapia.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!