nel mese di giugno del c.a. ho avuto una fibrillazione atriale. Poichè al pronto socc. non mi è stata fatta (?) la cardioversione esterna entro le 48 ore, sono stato dimesso per iniziare la scoagulazioone con coumadin e a distnza di un mese mi è stata fatta la cardioversione interna per via arteria femorale. Da allora continuo ad assumere il coumadin e mi viene detto che tale terapia, presumibilmente e da fare per tutta la vita. La mia domanda è: se si fosse fatta la cardioversione esterna(in tempo) si sarebbe evitato l'assunzione continua del predetto farmaco. Grazie.