Nel mese di giugno all'improvviso durante una giornata lavorativa ho avuto un forte Attacco di panico. avevo la sensazione di stare male e di svenire ma in effetti non ho mai perso i sensi. il Cuore mi batteva a mille e per questo motivo il mio medico mi ha fatta fare l'ecg e l'holtler e a parte un lieve Prolasso alla valvola mitralica il resto è ok. Ma nonostante tutto ciò da allora passo le mie giornate tra alti e bassi. Appena sento un piccolo dolorino che non capisco se sono dolori intercostali o qualcosa di + grave mi spavento e inizia a battermi forte il cuore e poi mi viene la sensazione di perdere i sensi. Ultimamente però mi formicolano le dita della mano sinistra. questo mi ha reso molto nervosa e ansiosa, sto limitando di bere caffè e di fumare poco. Vorrei andare a fare una visita dal cardiologo ma ho paura di avere un problema al cuore e che mi venga qualcosa di forte all'improvviso. Mi faccio molto condizionare dal fatto che in famiglia ho avuto una cugina che all'età di 26 anni è morta per problemi cardiaci (che non so esattamente che problemi fossero) dopo un paio di giorni di coma e siccome mi sto avvicinando ai 26 anni anche ioho paura che mi succeda la stessa cosa. Lavoro da un commercialista e il lavoro è molto stressante e sono sempre molto nervosa. Cosa mi consigliate? Forse è meglio se vado dal cardiologo??