02-05-2018

Possibile contrarre hiv e sifilide con rapporto protetto?

12 giorni fa ho avuto un rapporto sessuale con una prostituta protetto da preservativo. Due giorni fa mi accorgo che mi é venuta una bollicina rossastra di 4,5 millimetri sulla asta del pene(non da dolore). Guardando in internet ho visto che potrebbe essere sifilide.

La mia domanda é : se lei avesse avuto anche hiv posso averlo contratto? si puo prrndere solo la sifilide e non necessariamente l hiv?o se entra la sifilide entra anche l'hiv?(considerando il fatto che lei sia sieropositiva)Premetto che il preservativo non si dovrebbe essere rotto ma possibile che si sia rotolato un po dalla base ma comunque mai scoprendo il glande. Ovviamente farò le analisi ma sto morendo dentro perché ora mi sto frequentando con una ragazza...posso baciarla e avere rapporti con lei protetti?

Grazie anticipatamente

Risposta di:
Dr. Corrado QuadriniDottore Premium
Specialista in Dermatologia e venereologia e Psicologia e Psicoterapia
Risposta

Caro signore, se il preservativo non si è rotto, è praticamente impossibile la comparsa di un sifiloma nella zona protetta.

Comunque, se si fosse rotto e se la signorina fosse affetta da sifilide e da HIV (come vede ci sono molti se) nulla vieta che si possano contrarre entrambe le patologie. Per sicurezza faccia pure gli esami del caso (tenga conto che per l?HIV c'è da considerare il "periodo finestra", quindi fare un esame adesso non ha significato). Per quanto riguarda la sua ragazza attuale non ci sono problemi per i baci e per i raqpporti, se protetti.

Cordialità Corrado Quadrini

TAG: Adulti | Contraccezione | Dermatologia e venereologia | Giovani | Infezioni | Malattie infettive | Microbiologia e virologia | Organi Sessuali | Salute maschile | Virus
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!