Salve Dottori, sono un ragazzo di 21 anni, peso 66 kg e sono alto 180 cm. Da un bel po' di tempo sto riscontrando problemi con la mia salute; qualcosa in un punto preciso della mia vita a partire da metà anno 2016 ha fatto scattare la scintilla e quindi il sorgere di questo problema. In breve, capita spesso che inizi a girarmi la testa, il respiro diventa affannoso e ho come la sensazione che il cuore batta più velocemente, "quasi" come se stessi per svenire. Non è mai successo a tal punto, però è una situazione che ultimamente si ripete spesso e rimane presente per un po' di minuti. Non riesco più ad affrontare delle giornate "normali" o a fare attività che dovrebbero essere "normali". Molto spesso sto male quando devo affrontare una giornata diversa, per esempio un compleanno, un lavoro, una cerimonia, o quando sono alla guida (infatti per il momento, non guido affatto). A volte addirittura, quando sono a tavola con la mia famiglia, sento comunque questa sensazione di disagio, inizio a respirare a fatica e mi gira la testa e quindi sento il bisogno di distendermi.Ho già consultato il mio medico, ha escluso problemi alla Tiroide. Piuttosto ha confermato che avessi Colite nervosa, infatti questo malessere spesso mi causa forti contrazioni anche all'addome, purtroppo costringendomi ad andare spesso ai servizi. Per rimediare a ciò, oltre a prendere un farmaco a base di elementi naturali (non ricordo il nome, scusate) ho frequentato uno psicologo al consultorio gratuito della mia città, che però purtroppo mi ha dedicato del tempo limitato.Per ora ho un'alimentazione sana, vado in palestra per aumentare il peso e per sentirmi anche meglio, ma emotivamente non riesco. Non so più cosa fare. È una cosa che mi fà star male e appunto non vorrei che fosse Stress o Ansia, perché non saprei come rimediare. Ripeto, questa sensazione di malessere si presenta in momenti differenti, che sia fuori dalla routine giornaliera, o anche nei momenti più tranquilli; spesso anche durante il trattamento di argomenti "forti" che possono "impressionare" la mente comune. A volte mi capita di pensare a cose brutte che potrebbero succedere a me o a chi mi circonda e mi condizionano a tal punto da stare male. Cosa posso fare? Vi ringrazio, mi scuso per la lunga spiegazione e vi porgo distinti saluti, buon lavoro!Ps: Spesso noto ultimamente di avere uno stato emotivo molto sensibile. Ovvero, questo malessere a volte mi induce anche a "piangere" purtroppo, perché non capisco da dove provenga e non riesco a reagire come vorrei.