28-03-2008

Quattro giorni fa mia madre, 69 anni, ha

Quattro giorni fa mia madre, 69 anni, ha effettuato una coronarografia. Dall'esame è risultato che le coronarie stanno bene, mentre un ventricolo risulta ingrossato. Dopo l'esame i dottori hanno dovuto effettuare 2 volte la compressione manuale dell'arteria perchè il sangue dopo i primi 20 minuti aveva ripreso ad uscire. In reparto mia madre è rimasta distesa a letto con un peso sulla gamba per 28 ore. Ora è tornata a casa, presenta un grosso ematoma sulla zona inguinale e basso ventre. E' possibile che dall'arteria femorale vi siano ancora fuoriuscite di sangue? Premetto che a mia mamma, dopo la coronarografia, non sono stati fatti esami di essun genere, per verificare l'effettiva chiusura del vaso.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La coronarografia si effettua pungendo un’arteria di grosso calibro come l’arteria femorale. Essendo un vaso con alta pressione la compressione è necessaria per effettuare la cosiddetta emostasi. Non in tutti i pazienti è facile eseguire questa manovra per vari problemi. In genere, anche in caso di emostasi difficoltosa, il problema si limita ad ematomi che lentamente si riassorbono. Va valutata clinicamente per capire se non vi siano problemi vascolari locali.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!