21-03-2008

Salve e grazie dell attenzione occasionalmente mi

salve e grazie dell attenzione occasionalmente mi capitano episodi di tachicardia notturna, specie se dormo a stomaco troppo pieno, mi sveglio con i battiti "forti" e accelerati, poi passa da se entro una mezzora in genere. ho fatto ecocardiodopler e ecg da sforzo che non hanno evidenziato problemi vascolari, ho letto che l' ernia iatale puo dare questi sintomi e che è molto frequente, ma io non ho (credo almeno) i sintomi "tipici" del reflusso gastro esofageo. xcui, secondo voi cosa può essere? in che modo comunque questa ernia iatale provoca tachicardia, cioè perchè? e soprattutto...è pericolosa a livello effettivo per il cuore o altro? grazie
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
RISPOSTA Caro Signore, sinora ha eseguito accertamenti che escludono una significativa patologia a carico del suo cuore. I sintomi che descrive non sono tanto “specifici”, ma in realtà non c'è chiara documentazione di quale sia realmente l'alterazione del ritmo che le occorre (sempre che si tratti di una vera anomalia del ritmo cardiaco). Per prima cosa tenterei di documentare il fenomeno (dovrebbe eseguire un Holter e cercare di riprodurre le condizioni che favoriscono il disturbo); solo dopo di cio' sarà possibile esprimere un giudizio. In linea di massima comunque una distensione gastrica potrebbe innescare fenomeni aritmici in genere di scarsa rilevanza, anche se a volte fastidiosi. Il consiglio è di evitare pasti abbondanti serali, e magari di assumere una posizione non del tutto sdraiata durante le ore notturne. Se risultasse affetto realmente da ernia jatale, la terapia del suo disturbi cardiaco sarebbe comunque quella della ernia jatale, cioè del suo vero disturbo primario.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!