Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

03-07-2006

Scintigrafia da sforzo

Nel novembre 95 sono stato sottoposto ad una coronarografia ed un conseguente trattamento dell'arteria destra con angioplastica ed inserzione di uno stent medicato. L'arteria sinistra risulta occlusa al 40% nel tratto comune ed arteropatie di piccola entità ma diffuse nelle diramazioni. Ho seguito la normale terapia medica basata su plavix ed aspirina, antiipertensivi e statine. Nelle settimane scorse ho avuto seri problemi di dolore agli arti inferiori, giramenti di testa con frequentgi attacchi di angina che risulta essere di breve durata ma molto dolorosa sia sul braccio sinistro che nella zona retrosternale. Ho subito una terza coro dalla quale non risultano occlusioni dello stent ne peggioramenti nel tratto comune sinistro. Avendo un valore dello cpk di 475 ho dovuto eliminare l'assunzione delle statine, peraltro indicate inquanto sono un diabetico insulinodipendente. Con l'interruzione del Torvast alcuni sintomi sono regrediti ma soffro ancora dei frequenti attacchi di angina. Devo precisare che sono assolutamente asintomatico fino al punto che sia precedentemente all'inserzione dello stent che ora in nussun caso i miei elettrocardiogrammi risultano variati. In nessun caso ho avuto rilascio degli enzimi cardiaci e tutti gli esami ematici sono risultati negativi se non nel cpk. Ora questi attacchi di angina sono direttamente correlati ai giramenti di testa che a volte portano a conati di vomito e sudorazione elevata delle mani. Dopo circa 25 giorni che vivo questa pesante situazione non avendo alcun valore alterato e seguendo il massimo della terapia non sò più quale atteggiamento seguire. Vorrei un suo parere su qanto le ho descritto ma sopratutto se lei è a conoscenza di casi similari a questo e quali sono state le risultanze. La ringrazio suo Claudio.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
E’ necessario che Lei escluda anche una possibile causa non cardiaca dei dolori precordiali come la gastrite e l’esofagite da reflusso; tuttavia in prima istanza va eseguito un test di immagine per valutazione della riserva coronarica in modo da confermare che la stenosi del TC 40% (da alcuni considerato ai limiti della significativita’) non e’ ischemizzante. Le consiglierei una scintigrafia da sforzo in assenza di terapia cardioattiva. Se l’esame sara’ negativo va eseguita una gastroscopia (la terapia antiaggregante puo’ essere gastrolesiva). Purtroppo la terapia con statina nel paziente diabetico e’ fondamentale e se i livelli di CPK sono solo modicamente aumentati puo’ essere proseguita.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!