buongiorno,mi chiamo chiara,ho 27 anniper motivi di lavoro/studio insieme ai miei fratelli lontana da casa,io sono la maggiore,poi c'è Stefano che ha 24 ani e la + piccola,cristina di 19.2 giorni fa ci ha prestato la sua auto e siamo andate alla festa,di compleanno di uan nostra amica,lui non è venuto. abbiamo alzato entramne il gomito,e al rientro abbiamo avuto un incidente.Guidavo io e ho perso il controllo dell'auto...fortunatamente nessuno si è fatto male.Il giorno dopo quando gli abbiamo raccontato l’accaduto era furioso,ci ha fatto una romanzaina lunghissima sulla responsabilità e la fiducia,sul fatto che sono la sorella più grande e dovrei dare l'esempio e non comportqarmi come una bambina,e che se non capisco questo mi tartterò come tale e così mi ha sdraiata sulle sue ginocchia ,mi ha scoperto il sedere e mi ha dato una durissima a sculacciata sul sedere davanti a nostra sorella. è stata una umiliazione tremenda,in quella posizione a supplicare di smettere di sculacciarmi mio fratello per giunta più piccolo di me.poi ci ha detto si è sentito tradito,che della macchina non gli importava niente,ma che se fosse successo qualcosa a noi sarebbe morto dal dolore e dai sensi di colpa.Perchè trattarmi in questo modo?come una bimba piccola,sono sua sorella maggiore,credo di meritare un pò di rispetto,e poi eravamo in 2,perchè mia sorella non è stata punita allo stesso modo?per lei solo le pulizie della casa per i prossimi 2 mesi,punizione che tra l'altro dividerà con me