07-03-2006

Signor dottore ho 59 anni, paraplegico da 25 anni,

Signor dottore ho 59 anni, paraplegico da 25 anni, iperteso da oltre 20 anni controllo la pressione con medicamenti, gli ultimi 10 anni circa con Vasoretic/Condiuren e riuscendo a rimanere ai limiti di 140/90. Negli ultimi mesi ho notato un rialzo abbastanza costante fino ai 165/95 e il mio medico pensando che il farmaco non avesse più, dopo tanti anni, l'efficacia necessaria mi ha proposto di sostituirlo con Karvezide 300mg. Dopo 6 gg vedo che la mia pressione resta stabile sui valori precedenti, Le chiedo se, al di là del fatto che è necessario attendere settimane per vederne un effetto positivo, la scelta del medicamento è valida considerando anche che sono intollerante al lattosio e dopo quanto dovrei riscontrare l'abbassamento della pressione. Visto l'importanza dell'esercizio fisico e la mia permanenza su una sedia a rotelle praticamente totale, come potrei fare attività quotidiana che faccia "lavorare" il cuore? La ringrazio di Cuore, Carlo.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Forse più che sostituire il farmaco precedente potrebbe associare un altro farmaco, di una categoria differente (per esempio un calcioantagonista o un betabloccante), per ritornare ad una azione efficace. Per l’attività fisica penso che possa svolgere esercizi “passivi” con l’ausilio di fisioterapisti.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare