L’ESPERTO RISPONDE

Sono uno studente di 23 anni e da due ho iniziato

Sono uno studente di 23 anni e da due ho iniziato ad avvertire extrasistoli in modo più o meno frequente sia a riposo che in fasi di recupero sotto sforzo. Premetto che un anno fa ho eseguito ECG normale e sotto sforzo, ecocolordoppler, holter e dosaggio ormoni tiroidei tutto con esito negativo, a parte l'accertamento di un Prolasso mitralico. La... Leggi di più causa di tutto è stata identificato, come spesso leggo in casi analoghi, allo stress. Al di là del fatto che spesso avverto il disturbo in periodi in cui lo Stress non esiste, non riesco a capire il motivo per cui ogni anno la frequenza aumenta vertiginosamente in prossimità dei mesi estivi (forse il caldo?). Siccome sono un calciatore assiduo in quei mesi devo spesso abbandonare il campo perchè avverto per qualche minuto almeno 10 exstrasistoli di fila. Le mie domande sono: a) devo ancora una volta sottopormi a visite accurate?? b) nell'eventualità che cura esiste?? medicinali? Sottolineo che la mia preoccupazione è alta sia nei momenti in cui le avverto sia dopo i casi in cui mi vedo costretto a rinunciare ad un po' di sano sport che per la mia età è più che legittimo! Grazie.

Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche

La presenza di extrasistoli è abbastanza comune in soggetti con prolasso valvolare mitralico. La loro frequenza può essre incrementata oltre che da situazioni di stress anche da altri fattori come il fumo,l’eccessivo consumo di caffè e tè e dall’alcol. Eliminare quindi questi fattori se presenti. Un aumento delle extrasistoli durante i mesi estivi non è facilmente spiegabile salvo pensare ad una eccessiva sudorazione con conseguente... Continua disidratazione e quindi riduzione del volume di sangue circolante e degli elettroliti plasmatici. Mangiare frutta e verdura e reintegrare le perdite di liquidi per l’eccessiva sudorazione può essere una buona misura da adottare. Non farei per ora altri esami. Una terapia con betabloccanti a bassa dose può essere utile per controllare le extrasistoli ma deve essere seguita dal suo medico curante.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
1 minuto
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
1 minuto
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
1 minuto
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare
Prov. di Napoli
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Cardiologia
Sanremo (IM)
Specialista in Cardiologia interventistica e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Bari (BA)
Specialista in Cardiochirurgia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Torino (TO)
Specialista in Medicina interna e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Roma (RM)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Medicina interna
Roma (RM)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Aversa (CE)
Specialista in Geriatria e Gerontologia e Malattie dell'apparato cardiovascolare
Napoli (NA)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Ipertensione
Prov. di Milano