Gentile dottore, sono un uomo di 33 anni, peso 67 kg e sono alto 1,90. Sono un fumatore senza altri fattori di rischio, non soffro di nessuna patologia e nel complesso posso dire di godere di buona salute.Circa una settimana fa dopo pranzo mi sono sentito un dolore puntorio alla spalla sinistra e dopo poco ho avuto una palpitazione, al che ho... Leggi di più misurato la frequenza cardiaca con un misuratore automatico che l'ha rilevata a 135bpm, dopo poco scese a 100 bpm e mi sono recato in pronto soccorso.In pronto soccorso mi hanno fatto i seguenti esami: Elettrocardiogramma; prelievo sangue venoso; visita generale; amilasi totale; APTT; attività protrombinica; azotemia; bilirubina frazionata; bilirubina totale; C.P.K.; creatinemia; emocromo; fibrinogeno; glicemia; GOT; GPT; LDH; mioglobina nel siero; potassio nel siero; sodio nel siero; troponina isierica; CK-MB/MASSA e quindi gli enzimi cardiaci eseguiti 2 volte a distanza, secondo protocollo.All'esito di tali esami mi hanno diagnosticato una toracoalgia da stato ansioso - reattivo. Il problema è che dopo una settimana si sono ripresentati i medesimi sintomi, con la frequenza cardiaca a 135bpm che è scesa gradualmente fino a scomparire del tutto in circa 6 ore.È normale questa recidiva ? C'è il rischio di conseguenze ulteriori? È necessario effettuare qualche altro esame specifico? La ringrazio in anticipo.