Salve, volevo porvi la seguente domanada ; a mio padre (66 anni ) dopo una visita Urologica Generale, fatta conseguentemente al disturbo di urinare in maniera frequente, è stata diagnosticato un Adenoma della prostata con conseguente cura farmacologica di :Sp Tamlic cp a pranzo, Profluss cp al giorno x 3 mesi, Raliprost mezza bustina a pranzo e... Leggi di più mezza a cena x3 mesi. Oltre a questa cura gli è stata prescritta un Ecografia Renale Bilaterale e Vescico prostatica.Le mie domande ora sono le seguenti: la terapia indicata è una terapia corretta ? Ed in caso di inefficacia terapica in cosa consisterebbe un eventuale intervento chirurgico ? Se quest'ultimo sarebbe invasivo o meno e quali gli eventuali rischi generali e specifici visto che mio padre circa 8 anni fa è stato operato per la sostituzione di una valvola bicuspide della orta ascendente e trattasi quindi di paziente che assume regolarmente Coumadin e soggetto a continue variazioni di coagulazione sanguinea?Sono molto preoccupato per l'insorgenza di questa nuova anomalia clinica di mio padre, sicuro di un vostro celere riscontro.Colgo l'occasione per inviarvi I miei piu' Distinti Saluti.