L’ESPERTO RISPONDE

Un mese fa ho perso il mio compagno di 46 anni,

Un mese fa ho perso il mio compagno di 46 anni, per morte improvvisa nel sonno.
Non è stata fatta l'autopsia e dunque non ho certezza delle cause, ma una delle mie ossessioni è diventata la ricostruzione delle ultime settimane e delle ore precedenti, alla ricerca di una spiegazione.
Circa dieci giorni prima dell'evento aveva avuto un improvviso ed inspiegabile dolore ad una gamba, con gonfiore sul retro, all'altezza del ginocchio, regredito con riposo, ghiaccio e aulin.
Poi niente fino a due tre giorni prima, quando è insorta una tosse secca e forte, che gli faceva diventare gli occhi rossi.
L'ultimo giorno era strano, come assorto, ed ebbe un forte mal di testa, resistente all'aulin, ma normali funzioni del linguaggio, e del ragionamento, giocammo a carte e vinse.
Verso mezzanotte prese un efferalgan e disse di stare meglio, così facemmo l'amore.
Notai che il liquido seminale era stranamente denso e questo mi colpì.
Dopo esclamò : "Ho fame" ma non magiò, ci addormentammo sereni.
Alle cinque sentii un forte rumore, forse un rantolo e accesi la luce.
Lo trovai disteso a braccia aperte , con le gambe fuori dal letto come nell'atto di alzarsi.
Aveva un accenno di sudore freddo sulla fronte, era cianotico e respirava in modo flebile.
Provai a chiamarlo, ma non rispose, solo un tentativo di respiro in un rantolo, poi ammutolì.
Il 118 arrivò dopo pochi minuti.
Inutile l'uso del defibrillatore, il battito era quasi assente.
12 fiale di adrenalina, ha dichiarato di avergli iniettato il medico dell'ambulanza, ma non è giunto in ospedale.
So che non serve a nulla.
Ma loro dicono che le ipotesi sono : O un'emorragia cerebrale o un disordine elettrico cardiaco o un infarto devastante.
Ho anche il pensiero che l'avevo convinto a fare una cura antimicotica orale per curarsi una micosi ad un unghia che aveva da mesi.
Dicono che sono farmaci pesanti per il fegato.
Era un uomo magro, alto, faceva ciclismo, fumava una decina di sigarette al giorno e bevava ai pasti, non aveva familiarità di malattie cardivascolari.
Se sapete trovare una logica in tutto questo mio raccontare, io ve ne sarei infinitamente grata
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
Non è mai facile dare risposte a questi episodi e comprendo il suo dolore. Posso solo dirle che tra le ipotesi fatte manca quella, abbastanza verosimile e legata anche ad una logica degli eventi così come descritti, dell’embolia polmonare.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Mese della prevenzione dell'ictus cerebrale
Mese della prevenzione dell'ictus cerebrale
5 minuti
Mese della prevenzione cardiovascolare in farmacia
Mese della prevenzione cardiovascolare in farmacia
3 minuti
Carlo Urbani, il medico che scoprì la SARS
Carlo Urbani, il medico che scoprì la SARS
7 minuti
La malattia del mare: passato, presente e futuro per il progresso delle cure
La malattia del mare: passato, presente e futuro per il progresso delle cure
4 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio e Medicina interna
Prov. di Mantova
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio
Macerata (MC)
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Anestesia e rianimazione
Prov. di Bologna
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Novara