07-03-2006

Un mese fa mia figlia ha avuto un attacco di

Un mese fa mia figlia ha avuto un attacco di tachicardia che è durata per alcune ore, la Frequenza cardiaca è arrivata fino a 180 battiti al minuto. Ricoverata in un centro specializzato, le veniva diagnosticata una tachicardia parossistica sopraventricolare, e che tali attacchi sarebbero via via svaniti durante la crescita fino a scomparire definitivamente. Sentito un aritimologo ci riferiva che l’unica soluzione per eliminare le cause di questa tachicardia è intervenendo con la tecnica dell’ablazione, e quali sono le contro indicazioni a tale tecnica.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Confermo che la soluzione definitiva è quella dell’ablazione. A quanto capisco l’episodio è stato solamente uno e quindi si può prendere tempo. L’ablazione, in mani esperte, ha pochi rischi, che sono però dovuti al tipo di anomalia presente, che normalmente si vede solamente durante lo studio elettrofisiologico che precede l’ablazione.