Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

12-04-2006

Vi chiedevo un’opinione su questa lettera di

Vi chiedevo un’opinione su questa lettera di dimissioni di mio padre (55 anni, un infarto a fine gennaio, né diabetico, né soprappeso, familiarità coronaria). “Il paziente è stato sottoposto a procedura di “completamento” di rivascolarizzazione per via per cutanea, come da programma elaborato in occasione dell’evento coronario acuto del gennaio u.s. Ricordiamo, infatti, l’infarto miocardico acuto a sede anteriore con PTCA primaria su DA prossimale, con evidenza angiografica anche di lesione severa e prolungata su CDx prossimale. In data 6/04 è stata eseguita PTCA con posizionamento di stent medicato sulla lesione della CDx prossimale e su ramo posterolaterale; buon risulato agiografico. Pervietà stent su DA. Decorso successivo regolare. Non si segnalano complicanze in sede di puntura arteriosa (radiale dx). Prosegue dobbia antiaggregazione (ASA/clopidogrel) almeno per tre mesi (secondo piano di cura già formulato). Tra gli esami ematochimici segnaliamo (dato da controllare a breve) modesta riduzione dei valori di Hb (11 g /dl). Consigliamo di proseguire a domicilio la seguente terapia:
carvedilolo 25 mg (es. dilatrend)
lisonopril 20 mg (es. zestril)
ASA 160 mg (es. cardirene)
Clopidogrel 75 mg (es. plavix)
Gastroprotezione
Visita di controllo – AMB. DIVISIONALE in data 12/05/06 alle ore 11.00".
Referto Angioplastica
Patologia di base: Procedura Staged
Infarto pregresso: anterolaterale
Precedente rivascolarizzazione: angioplastica
Procedure eseguite: Angioplastica
Premedicazione: Valium ½ fl. E.v
Procedura PTCA N° vasi malati (>50%): 1
N° lesioni trattate: 2
Lesioni coronariche trattate: l
lesione n° 1 sul segmento CDx Prox
Procedura: Pressione max (atm): 16 Diametro max pallone: 3,20 Insufflazioni: 4 Tempo insuflazione (mm:ss): 03:00
Risultato: Stenosi Basale 90% Finale 0% Diametro vaso di riferimento (mm) Basale 3,3 Finale 3,3 MLD Basale 0,5 Finale 3,0 Flusso TIMI Basale 3 Finale 3
Lesione n° 2 sul segmento PL (Cdx).
Procedura: Pressione max (atm): 12 Diametro max pallone: 2,50 Insufflazioni: 2 Tempo insuflazione (mm:ss): 01:00
Risultato: Stenosi Basale 85% Finale 0% Diametro vaso di riferimento (mm) Basale 2,5 Finale 2,5 MLD Basale 0,5 Finale 2,5 Flusso TIMI Basale 3 Finale 3.
Conclusioni: PTCA con stent medicato su PL e CDX prossimale. Buon risultato agiografico e di flusso. Residua occlusione di piccolo ramo ventricolare. I medici hanno detto che le cose vanno abbastanza bene e che se le cose staranno così dovrebbe fare un controllo all’anno e due esami del sangue all’anno. Grazie Alessandro.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La lettera riportata descrive una ottima gestione di un paziente ricoverato qualche tempo prima per infarto miocardico acuto e trattato con angioplastica con palloncino (e stent) del ramo coronarico responsabile. E’ consuetudine infatti limitarsi nella fase acuta al trattamento della sola lesione responsabile, rimandando ad una fase successiva, e cioè a paziente stabilizzato, il completamento della rivascolarizzazione coronarica, come appunto è stato fatto in questo caso. Il risultato complessivo della procedura è stato ottimale e la terapia consigliata altrettanto adeguata.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!