Lo stress, le tensioni quotidiane, l’inquinamento e molti altri fattori non influiscono negativamente solo sulla nostra salute, ma anche sul vigore e sulla bellezza dei capelli. L’ultimo studio in proposito è stato condotto dai ricercatori dell’Erasmus Institute di Rotterdam ed è stato pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Gli scienziati olandesi, guidati da Laura Manenschijn, hanno analizzato i livelli del più noto ormone legato allo stress, il cortisolo, nei capelli di 283 persone di età compresa tra i 65 e gli 85 anni e in questo modo sono riusciti a fare una stima piuttosto realistica del grado di Stress al quale i soggetti erano stati esposti nel periodo precedente all’esame e del loro rischio cardiovascolare.

Gli studiosi hanno esaminato campioni di capelli di una lunghezza media di 3 centimetri: ad essere analizzata è stata la parte del capello più vicina al cuoio capelluto, quindi quella più recente. Secondo gli esperti questa porzione di capello indica la quantità di Stress alla quale il soggetto è stato esposto nei tre mesi precedenti e i livelli di cortisolo presenti nel capello sono un chiaro indicatore dello stress e soprattutto del rischio Cardiovascolare.

La studiosa olandese spiega che, esattamente come la pressione alta o il grasso addominale, un’elevata concentrazione di cortisolo rappresenta un marker significativo del rischio cardiovascolare. Ma d’altronde sappiamo bene come i capelli possano essere un chiaro indicatore del nostro stato di salute, fisica e mentale.

Una caduta dei capelli può indicare una dieta scorretta, povera di proteine, zinco, ferro e vitamina A, indispensabili per la crescita dei capelli, così come in periodi di particolare stress può verificarsi una perdita dei capelli chiamata Telogen Effluvium: può accadere, per esempio, dopo il parto, dopo uno shock particolarmente violento, ma può anche essere legato a squilibri ormonali causati da disfunzioni alla tiroide o da alcuni farmaci.

Leggi anche:
La caduta di notevoli quantità di capelli al giorno indica il fenomeno dell'effluvio. Il defluvio è, invece, una lenta e definitiva perdita.