Quante volte abbiamo commentato che il nostro viso tradiva la stanchezza, un malessere generico o magari una notte di bagordi?

In queste affermazioni c’è più verità di quanto pensiamo: il nostro viso in realtà andrebbe spesso osservato con maggiore attenzione poiché sa svelare molto sia dal punto di vista fisico che psicologico.

Avevano ragione gli antichi praticanti della medicina tradizionale cinese che hanno utilizzato per secoli l'analisi del volto come uno strumento diagnostico, abbinando specifiche aree del viso con specifici organi: la presenza costante o ripetuta di alcuni fenomeni, sempre nelle stesse zone, induceva a pensare che l’organo corrispondente potesse essere in sofferenza.

Di certo la diagnosi del viso non è una scienza assoluta ma torna di attualità anche ai nostri tempi e può comunque fornire indicazioni per modificare uno stile di vita che potrebbe causare problemi di salute. Ad esempio, le guance sono, secondo la medicina cinese, associate all’apparato respiratorio quindi una leggera eruzione cutanea potrebbe indicare che il corpo è affamato di Ossigeno ed è necessario lavorare per allenare il respiro. I fumatori, ad esempio, avranno spesso sulle guance capillari rotti, scolorimento, linee sottili o congestione.

La bocca è opportunamente associata allo stomaco; più nello specifico le labbra sono legate a Stomaco e intestino, mentre l'area circostante è collegata al colon. Eventuali macchie sulle labbra potrebbero, pertanto, essere un segno di movimenti intestinali poveri, gonfiore o scarso appetito.

Gengive sanguinanti indicano acidità di stomaco, mentre le labbra secche e squamose sono un segno abbastanza evidente di disidratazione. Crepe o piaghe suggeriscono una milza bisognosa di cure.

I reni e la vescica sono invece idealmente localizzati sul mento. Qualsiasi tipo di squilibrio ormonale, come ad esempio l’acne, solitamente si presenta proprio in questa zona.

Sulla fronte si concentrano diversi organi, compreso il cuore, l’intestino e la Vescica mentre il fegato è proprio tra le sopracciglia e dal momento che, secondo la medicina orientale, il fegato è legato indissolubilmente con la rabbia, una fronte aggrottata potrebbe indicare che si deve lavorare proprio per combattere la rabbia repressa.