Vacanza, tempo di strappi alle regole. Mangiare sano, però, senza rinunciare al gusto è possibile anche in viaggio. A cominciare da quando si arriva in aeroporto.

Un esempio? Piuttosto che mangiare snack comprati al momento, meglio prepararsi un piccolo sacchetto da casa: approntare della frutta o del formaggio non porta via poi così tanto tempo. E ancor meglio se riusciste a fare uno spuntino in casa prima di partire. Se proprio non riuscite ad organizzarvi in nessuno dei due modi, in aeroporto potreste comprare semplicemente della frutta. E non dimenticate i vostri complessi multivitaminici, se li utilizzate, e l’acqua.

Se poi volete fare bene anche all’ambiente, una volta che l’avrete terminata, non buttate via la bottiglietta ma continuate a riempirla ogni volta che dovrete andare in escursione da una bottiglia più grande che avrete in camera. Ovviamente va bene concedersi qualche drink ma se riuscite a evitare beveroni troppo zuccherini è meglio.

E dopo un cocktail di troppo è bene bere un bicchiere d’acqua.

 

Leggi anche:
Bere frequentemente un’adeguata quantità di acqua permette di reintegrare i liquidi e i sali minerali persi con la sudorazione.


E mai dimenticare le verdure: del resto basta un’insalata per saziare la fame di inizio pranzo e all’estero i menù vegetariani nascondono delle piacevoli sorprese per gusto e costi. A maggior ragione perfetti se anche in vacanza non riuscite a liberarvi dell’attenzione per il peso: lauta colazione, un pranzo moderato e una cena light per la sera, il tutto intervallato da qualche spuntino che non guardi al cibo spazzatura vi aiuteranno a salvare la linea.

 

Insomma, in vacanza non esiste solo il ristorante: un supermercato o un mercato ben fornito possono aiutarci a realizzare da soli panini e insalate. Mini frigo e microonde ormai sono in molte camere. E poi un 'peccato' al giorno non turberà la vacanza di nessuno di noi.
 


Per approfondire guarda anche: “Suggerimenti su dieta e Nutrizione quando si mangia al ristorante“