La diffusione della variante Delta del Covid-19, conosciuta in origine come la variante indiana, continua a preoccupare per il numero crescente di casi nel mondo.

Ecco i principali sintomi con cui si manifesta anche nelle persone vaccinate.

La diffusione della variante Delta

Identificata per la prima volta in India lo scorso ottobre, la variante Delta ad oggi è responsabile di moltissimi casi di Covid-19 un po’ ovunque in Europa, USA, Africa e Australia, con intensità diverse.

Secondo l'OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità, in Europa la variante Delta sarà responsabile del 90% delle nuove infezioni da Coronavirus entro la fine di agosto.

Si allargano infatti le zone rosse nella mappa dell’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie: Cipro si tinge di rosso scuro, il colore che indica il massimo rischio epidemiologico, seguita da Spagna e Portogallo di colore rosso insieme a Irlanda, una parte della Svezia e della Norvegia, una piccola parte della Danimarca e della Finlandia, buona parte dell’Olanda, il Lussemburgo e la regione di Bruxelles in Belgio.  A preoccupare è anche la Grecia, che si colora in parte di arancione, comprese alcune delle più belle e frequentate isole, come le Cicladi, Creta e Rodi.

La circolazione della variante Delta è in aumento anche in Italia. Dall’ultimo rapporto del monitoraggio settimanale dell’ISS-Ministero della Salute sono otto le Regioni e le Province autonome classificate a rischio moderato e 13 a rischio basso.

I sintomi della variante Delta anche nei vaccinati

Per agevolare la sua identificazione è stato diffuso uno studio condotto in Inghilterra che ha raccolto all’interno di una piattaforma (Zoe Covid Symptom) i principali sintomi con cui si manifesta l’infezione da Sars-CoV-2, anche nelle persone che hanno già completato il ciclo di vaccinazione.

Dai dati è emerso che i sintomi riferiti non sarebbero perfettamente uguali ai precedenti contagi. Le persone contagiate dalla variante Delta, infatti, accuserebbero maggiormente i classici sintomi di un comune raffreddore stagionale: naso che cola, tosse, gola infiammata, mal di testa e perdita del gusto.

C'è però un sintomo più frequente: è lo starnuto. Gli esperti hanno notato che le persone che erano state vaccinate e poi sono risultate positive al Covid-19 hanno più frequentemente segnalato gli starnuti come sintomo.

Lo studio inglese ha inoltre evidenziato come la durata dei sintomi sia stata più breve nelle persone già vaccinate (anche con una sola dose) rispetto a chi non si era vaccinato.

Hai sintomi sospetti e non sai a chi chiedere?

Puoi ottenere un primo orientamento sulla presenza di sintomi sospetti da Covid-19 interrogando il chatbot Serena di Paginemediche. In maniera semplice e immediata ti guiderà alla giusta interpretazione dei segnali e come meglio comportarsi. Provalo subito.