18/02/2015

Estetica Oncologica: perché il cancro si combatte anche con il cervello

Si chiama Estetica Oncologica ed è una specializzazione che forma persone capaci di aiutare le donne che combattono contro un tumore a ritrovare bellezza e autostima.

Le terapie contro i tumori hanno spesso EFFETTI COLLATERALI come caduta dei capelli e delle unghie, cicatrici, gonfiori, macchie. Problemi estetici che possono ripercuotersi pesantemente sull’autostima e sulla qualità della vita della donna.
Da qualche anno è nata l'Associazione Professionale di Estetica Oncologica (APEO) che organizza in tutta Italia corsi di formazione per le estetiste che desiderano mettere la propria competenza al servizio delle donne che combattono un Cancro. Nonostante l’attenzione crescente che le estetiste hanno riservato a questo campo sono ancora poche le professioniste formate adeguatamente. Per colmare questo gap presso l’Istituto Europeo di Oncologia è partito un corso al termine del quale le partecipanti riceveranno un diploma dell’APEO. I docenti del corso saranno proprio i medici dell’IEO.

L’iniziativa è un’ulteriore dimostrazione di quanto sia importante adoperarsi non solo per la guarigione fisica della paziente ma anche per quella del suo cervello e del suo spirito.

"Qualcuno guarda con un po' di sufficienza questa nostra iniziativa. Si tratta di medici che sono concentrati solo sulla guarigione fisica, mentre sappiamo che la malattia è elaborata dal cervello. Non si può ignorare l'aspetto psicologico, il Trauma psichico subito da queste pazienti. Dobbiamo capire come possiamo alleggerirlo", spiega il professor Umberto Veronesi.

Presso l’IEO è attivo da tempo uno Spazio Benessere, un vero e proprio centro benessere all’interno del quale i pazienti possono rilassarsi e concentrarsi sulla salute di corpo e mente. Ma l’estetica oncologica non trova spazio solo all’IEO. Al Pascale di Napoli, ad esempio, vengono organizzati con cadenza settimanale lezioni di trucco per le pazienti oncologiche.

TAG: Oncologia | Tumori | Salute femminile