I numeri dell'Aids: il 70% dei sieropositivi non sa di esserlo

I numeri dell'Aids: il 70% dei sieropositivi non sa di esserlo

I dati presentati dall'ISS in vista del World Aids day
In questo articolo:

I dati dell'ISS sull'HIV

In vista del World AIDS Day, previsto per il 1 dicembre l'Istituto Superiore di Sanità pubblica il rapporto annuale del Centro Operativo Aids (COA) relativo a due flussi importanti: le nuove Diagnosi di HIV e i casi di Aids nel nostro Paese.

Questi i dati maggiormente rilevanti:La fascia più colpita è quella dei soggetti tra 25 e 29 anni. Se guardiamo alle cause del contagio spiccano i rapporti sessuali non protetti cui va attribuito l'84,1% delle diagnosi.

  • I nuovi casi di HIV sono stabili: nel 2014 hanno avuto una diagnosi di sieropositività 3695 persone. Un dato che è rimasto sostanzialmente stabile nell'ultimo triennio.
  • L'Italia è al 12esimo posto in Europa per numero di nuovi casi.
  • Ad essere colpiti sono soprattutto gli uomini; il 27,1% delle persone sieropositive è di nazionalità straniera.
  • Le regioni maggiormente interessate sono Lazio, Lombardia, Emilia Romagna.
  • L'età media della diagnosi per gli uomini è di 39 anni, 36 per le donne.
Leggi anche:
HIV e AIDS: differenze, sintomi e prevenzione
L'AIDS è la sindrome provocata dal virus HIV e comporta un drastico abbassamento delle difese immunitarie nell'individuo infettato.

Sette persone su dieci non sanno di essere sieropositive

Il dato che colpisce maggiormente gli esperti è, però, quello relativo alla conoscenza dell'HIV. Nel 2006 il 20% dei pazienti non era consapevole di essere sieropositivo, nel 2014 questa percentuale è salita al 71,5%. Sette persone su dieci non sanno di essere sieropositive e lo scoprono solo quando  l'Aids ormai è conclamato.
Ciò comporta che solo un quarto delle persone che ricevono una diagnosi di Aids conclamato abbia seguito prima una terapia antiretrovirale.

La Giornata Mondiale Aids

Tante le iniziative organizzate in Italia in occasione del World Aids Day in Italia.
Fino al 6 dicembre è possibile sostenere la campagna della LILA in favore della diffusione e dell'accesso gratuito al test rapido salivare per l'HIV donando 2 euro con un SMS solidale al numero 45504.

Sabato 28 e domenica 29 novembre in 400 piazze italiane i volontari di Anlaids offriranno un bonsai a fronte di un contributo per la ricerca. Fino al 30 novembre sarà visitabile negli spazi espositivi del  MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma la mostra “30 anni di Anlaids”, mentre lo street artist Agostino Iacurci realizzerà un'opera sulle mura di cinta dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive L. Spallanzani di Roma.

Per approfondire guarda anche: "HIV: Consigli per le donne incinte"

Cerca un medico nella tua città
Specialista in Medicina alternativa (agopuntura, omeopatia...) e Malattie infettive
Brescia (BS)
Specialista in Malattie infettive
Prato (PO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie infettive
Roma (RM)
Specialista in Malattie infettive
Salerno (SA)
Specialista in Pediatria e Malattie infettive
Bari (BA)
Specialista in Gastroenterologia e endoscopia digestiva e Malattie infettive
Roma (RM)
Specialista in Malattie infettive e Oncologia
Lecce (LE)
Specialista in Malattie infettive e Farmacologia medica
Prov. di Milano
Specialista in Malattie infettive
Varazze (SV)
Specialista in Malattie infettive
Napoli (NA)