04/09/2018

Giornata Mondiale del Benessere Sessuale

giornata mondiale del benessere sessuale
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor

Oggi è la Giornata Mondiale del Benessere Sessuale, promossa il 4 settembre di ogni anno dall’Organizzazione mondiale della Sanità. L’iniziativa è celebrata dal 2010 in 35 Paesi del mondo dove sono previste moltissime iniziative tra incontri, tavole rotonde, dibattiti per informare sul sesso, spazzare via i tabù e i falsi miti, rispondere ai dubbi su malattie e prevenzione, fornire le linee guida sulla salute sessuale. I luoghi prescelti saranno le scuole, i comuni, gli ospedali, le biblioteche, le piazze e molti altri.

L’obiettivo è parlare di benessere sessuale, un argomento che riguarda tutti, nei posti maggiormente frequentati da persone di cultura, età ed estrazione sociale differenti. In Italia però l’evento viene recepito un po’ in sordina.

Giornata Mondiale del Benessere Sessuale: in Italia non se ne parla

"Sul benessere sessuale della popolazione c’è un totale disinteresse delle istituzioni, si pensa che sia un lusso, un bene accessorio, non c’è voglia di informare su educazione sessuale, prevenzione, gravidanze indesiderate, comportamenti a rischio", denuncia Roberta Rossi, presidente della Federazione italiana di sessuologia scientifica (Fiss).

E racconta che alla Settimana dedicata al benessere sessuale (dal primo al 6 ottobre in molte città italiane), non legata all’iniziativa dell’Oms, la gente dimostra grande interesse:

"Ci chiedono a gran voce di essere informati in generale, non soltanto se hanno problemi. Insomma, c’è uno scollamento tra il versante delle istituzioni e la vita delle persone". Eppure "il benessere sessuale è fondamentale per la salute stessa e la felicità delle persone" scrive l’Oms. "Questo ha un evidente impatto positivo sulle società e i Paesi".

La speranza degli organizzatori è quella di riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibile. È importante condividere le proprie paure ed esperienze, i dubbi e le incertezze. Parlare di sesso, insomma, non deve essere qualcosa di relegato esclusivamente alla dimensione privata della camera da letto. Spesso, fra l’altro, l’argomento viene affrontato con un medico soltanto in caso di malattie o in presenza di una disfunzione. Un parere esperto invece aiuterebbe il benessere sessuale anche nella quotidianità.

Giornata Mondiale del Benessere Sessuale: il percorso salute per stare bene al letto

Una vita sessuale soddisfacente dipende anche dal percorso compiuto prima di arrivare in camera da letto, cioè dagli stili di vita e dalle scelte quotidiane. Lo pensa il professor Emmanuele A. Jannini, ordinario di Endocrinologia e Sessuologia medica dell’Università Tor Vergata di Roma, che nell’ambito della campagna “Ticket to Love”, racconta il percorso salute ideale per arrivare a una vita sessuale soddisfacente.

In particolare, secondo il docente, sarebbero cinque i luoghi che incidono sul benessere al letto:

  1. LA CUCINA - È ormai dimostrato che la dieta ha un ruolo fondamentale nel mantenere un buono stato di salute. La dieta mediterranea, con un’adeguata piramide alimentare a base di cereali integrali, frutta e verdura e con al vertice i grassi animali e gli zuccheri semplici, è quella che meglio contribuisce al benessere, anche sessuale, dell’uomo.
  2. IL SALOTTO - sul divano solo per poche ore: la vita sedentaria è correlata ad una maggiore incidenza di sovrappeso e obesità, oltre che di malattie metaboliche. Al contrario, è dimostrato che condurre una vita attiva e svolgere un’attività sportiva con regolarità migliora anche le performance sessuali.
  3. I LOCALI DELLA MOVIDA - alcol, droghe e fumo di sigaretta hanno un effetto negativo, nel breve e nel lungo termine sull’attività sessuale. Il fumo, ad esempio, è un fattore di rischio importantissimo nello sviluppo sia dell’aterosclerosi che della disfunzione erettile.
  4. LO STUDIO MEDICO – i check up periodici sono importanti strumenti di prevenzione, soprattutto dopo una certa età. Inoltre, quando si cominciano ad avere problemi in camera da letto, il medico va considerato il primo alleato e la persona di riferimento a cui chiedere aiuto.
  5. LA FARMACIA - il consiglio del farmacista è un valido aiuto sia nel fornire indicazioni e chiarire dubbi sullo stile di vita più salutare, sia per guidare il paziente nella scelta delle possibili soluzioni indicate dal medico.

Per approfondire guarda anche: “Ansia e desiderio sessuale”

Leggi anche:
Il preservativo è il metodo contraccettivo più usato; è fondamentale indossarlo prima di ogni rapporto per evitare possibili malattie.
TAG: Adolescenti | Adulti | Andrologia | Anziani | Benessere psicofisico | Dermatologia e venereologia | Effetti Collaterali | Eventi salute | Ginecologia e ostetricia | Giovani | Nutrizione | Obesità | Organi Sessuali | Prevenzione | Sessualità | Sessuologia | Sport e Fitness
Mara Pitari
Scritto da:
Mara Pitari
Giornalista & web content editor