“Il disturbo mentale è una malattia come le altre. Può capitare, ma si può curare. Se senti che qualcosa non va, parlane con il medico”. È l’appello lanciato con lo spot “Si Cura”, realizzato in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale del prossimo 10 ottobre per sensibilizzare la popolazione sull’importanza del benessere psicologico e per aiutare a superare le paure legate alle malattie psichiche.

"Con questa giornata vogliamo sottolineare quanto sia importante lottare contro lo stigma e i pregiudizi verso i pazienti che soffrono di disturbi mentali. L’emergenza Covid-19 ha messo in luce più che mai come queste persone si siano spesso trovate escluse dalla partecipazione alla vita sociale” ha dichiarato la Sottosegretaria di Stato alla Salute Sandra Zampa.

“Per abbattere il muro che ancora circonda queste patologie dobbiamo indirizzarci verso una salute mentale di comunità, attraverso servizi di prossimità, investendo nella sanità territoriale e mettendo sempre il paziente al centro, e dare una risposta appropriata ed efficace alla complessità dei problemi connessi ai disagi psichici anche attraverso il budget di salute”.

 

Giornata per la Salute Mentale, i numeri in Italia

In Europa, 1 persona su 6 soffre di disturbi della mente e ogni anno sono più di 80mila le persone che perdono la vita per malattie mentali o suicidio. Secondo i risultati di un ampio studio dell'Istituto di sanità pubblica belga, i tassi di depressione sono nettamente aumentati dal 10% al 16% (rispetto al 2018) negli ultimi mesi a causa del Covid.

In Italia, il 59% della popolazione tra i 18 ei 75 anni ha dichiarato di sentirsi depressa e senza speranza per il futuro. Per quanto riguarda le patologie, i tassi relativi ai disturbi schizofrenici, ai disturbi di personalità, ai disturbi da abuso di sostanze e al ritardo mentale sono maggiori fra gli uomini rispetto alle donne, mentre l’opposto avviene per i disturbi affettivi, nevrotici e depressivi. In particolare, per la depressione il tasso degli utenti di sesso femminile è quasi doppio rispetto a quello del sesso maschile.

 

Giornata per la Salute Mentale: gli eventi

Quando si parla di disturbi della mente il pensiero va subito a Franco Basaglia, considerato il fondatore del concetto moderno di salute mentale. A lui si deve la Legge 180 del 1978, detta anche “Legge Basaglia”, che stabilì la chiusura degli ospedali psichiatrici italiani. Una di queste strutture è il Museo Laboratorio della Mente a Roma.

Sabato 10 ottobre, proprio in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, sarà possibile visitare gratuitamente il Museo per conoscere - attraverso un passato luogo di cura per migliaia di pazienti - la storia dell’istituzione manicomiale con fotografie, oggetti e immagini multimediali, stimolando la partecipazione attiva del pubblico.

Dal 9 all’11 ottobre, Fondazione Onda Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, da sempre attenta al tema della salute mentale, lancia la nuova edizione dell’(H)-Open Weekend: negli oltre 100 ospedali del network Bollini Rosa e in tutti i presidi dedicati alla popolazione femminile, saranno attivati consulti, colloqui psicologici, sportelli di ascolto, info point, conferenze e distribuendo materiale informativo sulla salute mentale con poster specifici su schizofrenia e suicidio giovanile.