Due italiani su dieci hanno il vizio del fumo. Sono 11,6 milioni i fumatori in Italia, numeri che non accennano a diminuire negli anni: segno che servono campagne antifumo più mirate. Per questo, oggi, 31 maggio, Giornata Mondiale Senza Tabacco (World No Tobacco Day), è un’occasione da non  perdere per sostenere la lotta al fumo e per iniziare a combattere una battaglia che continui per tutti i giorni dell’anno.

Giornata Mondiale senza Tabacco: i numeri del rapporto 2019

Sono 7,1 milioni gli uomini che fumano in Italia, 4,5 milioni le donne. Le fumatrici sono aumentate soprattutto al Sud: quasi il doppio rispetto alle connazionali che vivono nelle altre aree del Paese (22,4% di fumatrici al Sud e isole contro 12,1% al Centro e 14% al Nord). La metà delle donne fuma tra le 10 e le 20 sigarette al giorno.

Tante, ma meno di quelle consumate dai fumatori dell’altro sesso. Un fumatore maschio su 4 termina oltre un pacchetto di sigarette al giorno. I dati sono quelli raccolti e presentati stamattina dall’Istituto superiore di Sanità.

Non cambiano negli ultimi anni le abitudini al fumo degli italiani, segno che serve incentivare campagne informative soprattutto per i giovani, che rappresentano un serbatoio che alimenta l’epidemia tabagica, e per le donne, per le quali è in aumento la mortalità per tumore al polmone

ammette Roberta Pacifici, direttore del Centro nazionale Dipendenze e Doping. Bisogna dunque agire e farlo presto. Prima si diventa ex fumatori, più in fretta si riduce il rischio di ammalarsi.

Se i dati sul fumo non raccontano purtroppo storie di calo del vizio, evidenziano però una nuova tendenza, legata all’utilizzo di nuovi prodotti: sigarette elettroniche e tabacco riscaldato. I nuovi prodotti tecnologici, tuttavia, non cambiano la percentuale dei fumatori vecchio stile che, anzi, nella maggior parte dei casi affiancano la novità alle sigarette tradizionali, aumentando il consumo.

Eppure in Italia le sigarette causano annualmente la morte di 80mila persone. Numeri che salgono a 3,3 milioni nel mondo. Se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto, stima l’Organizzazione della Sanità, entro il 2030 il fumo da sigarette ucciderà ogni anno oltre 8 milioni di persone. Sarebbe come cancellare con una epidemia la città di New York.

Stop smoking almeno per un giorno: la campagna e le iniziative per la Giornata Mondiale senza Tabacco

La Giornata Mondiale senza Tabacco, celebrata il 31 maggio di ogni anno, rappresenta un giorno all’insegna dello “Stop Smoking”: l’invito internazionale ai fumatori è di astenersi per almeno 24 ore dal fumo di sigaretta.

Avere dei polmoni sani è essenziale per vivere in buona salute

ha detto il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Oggi è possibile proteggere i nostri polmoni e quelli dei nostri amici e parenti semplicemente dicendo no al tabacco”. Tante le iniziative organizzate in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco anche in Italia. Tra queste la campagna “Spegni la tua voglia di fumare con un sorso d’acqua” realizzata dagli ospedali Humanitas.

La Lilt di Milano, da parte sua, apre oggi i suoi “spazi prevenzione” a visite gratuite per la valutazione del rischio polmonare, grazie al sostegno di BCC Milano, e dei percorsi di disassuefazione dal fumo. Sempre nella giornata di oggi, a Eataly Smeraldo si terrà il corso di cucina “I piatti giusti”, per capire quali siano i cibi alleati della salute e i piatti più indicati nell’aiutare a dire addio alle sigarette. La Lega Italiana per la Lotta ai Tumori non si concentra solo su Milano e organizza iniziative in tutta la Penisola.

Giornata di prevenzione a Genova (ore 11-15) nel cortile dell’Istituto alberghiero Marco Polo con distribuzione di materiale informativo, questionari e visite spirometriche gratuite. Per altri appuntamenti, è possibile consultare le pagine web delle sezioni Lilt e di altre associazioni che aderiscono alla Giornata Mondiale senza Tabacco nella propria zona.